Offerta Botte Kverneland

Promesse mantenute: via l’Imu dai terreni e via l’Irap per le attività agricole

Promesse mantenute: via l’Imu dai terreni e via l’Irap per le attività agricole

Il governo ha mantenuto le promesse fatte al mondo agricolo, e così la Legge di Stabilità conferma che dal 2016 i terreni agricoli posseduti e condotti da CD e IAP iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione, sono esenti dall’Imu.

Redditi agrari e redditi dominicali

Se un terreno agricolo è esente da Imu viene meno il principio di sostituzione, e quindi – sottolinea l’esperto fiscalista Corrado Fusai – i relativi redditi dominicali saranno nuovamente assoggettati all’Irpef. Questo significa che nel 2016 e negli anni successivi, i terreni posseduti e condotti da CD e IAP iscritti all’Inps saranno assogettati ai fini Irpef, oltre che al reddito agrario, anche al reddito dominicale, determinati senza alcuna ulteriore rivalutazione oltre a quella che si è dovuta applicare negli anni precedenti.

Terreni delle aree montane e di collina

Dal 2016 sono esenti da Imu, indipendentemente dai soggetti che li possiedono e/o li conducono, i terreni agricoli delle aree montane o di collina delimitate ai sensi articolo 15 della legge n.984/77, secondo i criteri della circolare delle Finanze n.9 del 14/6/93. Anche questi terreni sono assoggettati al reddito agrario e a quello dominicale.

Altri terreni agricoli esenti da Imu sono:

  • Se ubicati nei comuni delle isole minori.
  • A immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile.

Chi non pagherà l’Irap agricola

Dal 2016 sono esenti da Irap agricola:

  • I soggetti che esercitano attività agricola ai sensi dell’art.32 del Dpr n.917/86.
  • Cooperative e consorzi che:
    • forniscono in via principale servizi selvicolturali e sistemazioni idraulico-forestali;
    • i cui redditi derivano dall’allevamento di animali con mangimi ottenuti per almeno un quarto dai terreni dei soci;
    • dediti alla piccola pesca

Rimangono assoggettate a Irap con aliquota ordinaria le attività connesse di agriturismo, di allevamento di animali eccedente la potenzialità dei terreni, di produzioni di beni e fornitura di servizi, con determinazione forfettaria del reddito.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Imu agricolaIrap agricolaredditi dominicali

Articoli correlati

Contoterzismo e prime lavorazioni: la diversificazione per aumentare il reddito

Non si vive di sola produzione vegetale o animale: almeno una parte degli agricoltori italiani si sta dando da fare

La revisione della Pac scatta il 1° gennaio 2018, ma con poche modifiche

La proposta di revisione della Pac 2014-2020 è già sui tavoli dei membri della Commissione europea dal settembre scorso e

PSR Lombardia: perché e come sostengono le lavorazioni conservative

Dopo anni e anni di dibattiti tecnici, e soprattutto grazie ai tanti agricoltori innovatori che hanno abbandonato le lavorazioni tradizionali

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*