Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Il Qualidisc Farmer è un nuovo modello di erpice a dischi, portato, con larghezza di lavoro da 3 a 4 metri, decisamente più leggero rispetto al Qualidisc T (di cui abbiamo parlato in un articolo precedente) e quindi adatto a trattori di potenza compresa tra 90 e 180 HP con l’evidente vantaggio di esercitare un minore compattamento del suolo. Il Qualidisc Farmer lavora il terreno a profondità compresa tra 2 a 10 cm con dischi di grande diametro forgiati a inclinazione fissa per garantire un costante effetto penetrante.

Varie possibilità di assetto

Un erpice dentato può essere inserito fra la fila posteriore di dischi e il rullo per un maggior affinamento del terreno. Il Qualidisc Farmer può montare diversi rulli della gamma Kverneland progettati per adeguarsi a tutte le condizioni di terreno. La gamma dei rulli è anche estesa a un nuovo modello chiamato Actiflex, costruito per lavorare in tutte le condizioni di terreno, per una miscelazione e sgretolamento ottimale degli aggregati del suolo, minimizzando il carico.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
erpici

Articoli correlati

Aratura e sodo a confronto per 8 anni: come cambiano qualità e vitalità del terreno

La semina su sodo, in confronto alla tradizionale aratura, migliora lo stato di salute generale del terreno e la sua

Il Kultistrip lavora solo le bande di semina: l’ideale è fare l’operazione in autunno sui residui colturali

Lo strip-till è il sistema di minima lavorazione che probabilmente avrà il maggiore sviluppo in Italia, quando gli agricoltori avranno

Soia dopo grano su sodo: un successo, ma solo se la seminatrice è giusta

Seminare soia di secondo raccolto su sodo è l’interpretazione perfetta di quello che vuole la nuova Pac dagli agricoltori, e

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*