Advertisement

Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Il Qualidisc Farmer è un nuovo modello di erpice a dischi, portato, con larghezza di lavoro da 3 a 4 metri, decisamente più leggero rispetto al Qualidisc T (di cui abbiamo parlato in un articolo precedente) e quindi adatto a trattori di potenza compresa tra 90 e 180 HP con l’evidente vantaggio di esercitare un minore compattamento del suolo. Il Qualidisc Farmer lavora il terreno a profondità compresa tra 2 a 10 cm con dischi di grande diametro forgiati a inclinazione fissa per garantire un costante effetto penetrante.

Varie possibilità di assetto

Un erpice dentato può essere inserito fra la fila posteriore di dischi e il rullo per un maggior affinamento del terreno. Il Qualidisc Farmer può montare diversi rulli della gamma Kverneland progettati per adeguarsi a tutte le condizioni di terreno. La gamma dei rulli è anche estesa a un nuovo modello chiamato Actiflex, costruito per lavorare in tutte le condizioni di terreno, per una miscelazione e sgretolamento ottimale degli aggregati del suolo, minimizzando il carico.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
erpici

Articoli correlati

No all’aratro: uno studio europeo dimostra i vantaggi delle nuove lavorazioni

Lo dimostra uno studio promosso dall’Ecaf, la Federazione europea per l’agricoltura conservativa che in Italia è rappresentata da Aigacos: grazie

La follia dell’aratore: distruggere la fertilità dei terreni con costi enormi

Era il 1943 e non si parlava ancora di minima lavorazione e di sodo, ma Edward H. Faulkner in un

Semine mais: le strategie alternative all’aratro per spendere al massimo 300 euro/ettaro

Su frumento, orzo e cereali vernini, la minima lavorazione e addirittura la semina su sodo stanno allargando il loro raggio

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*