Dekalb Italia

Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Il Qualidisc Farmer è un nuovo modello di erpice a dischi, portato, con larghezza di lavoro da 3 a 4 metri, decisamente più leggero rispetto al Qualidisc T (di cui abbiamo parlato in un articolo precedente) e quindi adatto a trattori di potenza compresa tra 90 e 180 HP con l’evidente vantaggio di esercitare un minore compattamento del suolo. Il Qualidisc Farmer lavora il terreno a profondità compresa tra 2 a 10 cm con dischi di grande diametro forgiati a inclinazione fissa per garantire un costante effetto penetrante.

Varie possibilità di assetto

Un erpice dentato può essere inserito fra la fila posteriore di dischi e il rullo per un maggior affinamento del terreno. Il Qualidisc Farmer può montare diversi rulli della gamma Kverneland progettati per adeguarsi a tutte le condizioni di terreno. La gamma dei rulli è anche estesa a un nuovo modello chiamato Actiflex, costruito per lavorare in tutte le condizioni di terreno, per una miscelazione e sgretolamento ottimale degli aggregati del suolo, minimizzando il carico.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
erpici

Articoli correlati

Minima lavorazione con due passaggi di CLC e Qualidisc: terreno ben livellato e pronto per la semina

Ci sono situazioni di terreno dove i contoterzisti preferiscono fare due passaggi con due attrezzi diversi per preparare con minima

Mais a 11 foglie su minima e strip: nessuna differenza rispetto all’aratura

Anche i più risoluti fautori dell’aratura e delle ripetute erpicature non possono non meravigliarsi di cosa sta succedendo nel PAG

Agricoltura conservativa: una scelta strategica che ha bisogno di più agronomia, competenza e innovazione

Questo dice il vademecum tecnico del progetto Help Soil, aggiungendo che l’agricoltura conservativa ha bisogno di più agronomia, più riflessione,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*