Dekalb Italia

Riserva nazionale Pac: quanti titoli spettano al giovane agricoltore che ha fatto domanda nel 2016

Riserva nazionale Pac: quanti titoli spettano al giovane agricoltore che ha fatto domanda nel 2016

I giovani agricoltori che accedono alla Riserva nazionale Pac hanno diritto a ricevere un numero di titoli pari al numero di ettari ammissibili che detengono nell’anno di presentazione della domanda. Chi ha fatto domanda nel 2016 riceverà un numero di titoli pari al numero di ettari ammissibili che detiene il 15 maggio 2016.

Come si fa il calcolo

Il valore dei titoli assegnati alla Riserva nazionale è pari al valore medio nazionale, cioè circa 228 euro/ha, ai quali si aggiunge il pagamento greening (pari a 114 euro/ha) e il pagamento per i giovani agricoltori (pari a 54 euro/ha).

I titoli assegnati sono iscritti al registro dei titoli dell’agricoltore, che ne potrà beneficiare per sempre, cioè almeno sino a che durerà la Pac.

L’attuale sistema di pagamenti diretti è valido sino al 2020. Invece per il pagamento per i giovani agricoltori esiste un limite di 5 anni dall’insediamento.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
calcolo titoli pacpac 2016riserva nazionale

Articoli correlati

Aiuto di 200 euro/ha per grano duro in filiera: la tipologia del contratto e gli obblighi dell’agricoltore

Alcuni lettori ci hanno chiesto ulteriori chiarimenti sul decreto “Fondo grano duro”, che stanzia 10 milioni di euro per i

Pac: se si fanno mais e soia di secondo raccolto, qual è la coltura diversificante per il greening?

Gli impegni del greening sulla diversificazione delle colture obbligano le aziende che oltrepassano i 30 ettari a seminativi di introdurre

Speziali: ”Contoterzisti pronti a nuove sfide, ma basta con l’inquadramento di artigiani”

«Ci sono sempre meno “agricoltori tuttofare” e sempre più imprenditori che, indipendentemente dalle dimensioni della propria azienda, optano per un

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*