Sono un agricoltore e oggi vendo il mio terreno. Chi incassa la Pac 2017?

Sono un agricoltore e oggi vendo il mio terreno. Chi incassa la Pac 2017?

Sull’incasso dei pagamenti Pac le casistiche sono numerose e sempre fonte di dubbi per gli agricoltori, e per questo vale la pena, ogni tanto, riportare degli esempi specifici che possono essere utili ai nostri lettori.

Per esempio: l’agricoltore A vende terra e titoli all’agricoltore B il 15 marzo 2017. A chi spettano i pagamenti diretti?

In questo caso i pagamenti diretti 2016 spettano all’agricoltore A, in quanto era in possesso dei terreni alla data del 15 maggio 2016. Invece, i pagamenti diretti 2017  spettano all’acquirente, cioè l’agricoltore B, in quanto in possesso dei terreni al 15 maggio 2017.

Ricordiamo infatti che per ricevere i pagamenti diretti l’agricoltore deve essere in possesso dei titoli all’aiuto e li dovrà abbinare annualmente a un ettaro di superficie ammissibile: seminativi, colture permanenti, prati e pascoli permanenti. I titoli generano un pagamento sulla base del possesso del terreno il giorno 15 maggio di ogni anno e sulla base della “Domanda unica di pagamento” che va presentata entro il 15 maggio di ogni anno.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Articoli correlati

PAC: è stato definito il valore del greening. Cosa succede ai titoli non utilizzati?

Per tutti gli agricoltori sarebbe oggi opportuno andare a leggere la circolare Agea n.2506 del 16 maggio 2016, che contiene alcune

Pac, nel 2017 cambiano le sanzioni per gli agricoltori che non rispettano le regole del greening

Il pagamento greening della Pac presuppone, da parte dell’agricoltore, il rispetto di tre impegni: La diversificazione colturale. Il mantenimento dei

Dall’agronomo burocrate all’agronomo smart: il ”grillo parlante” dell’imprenditore agricolo

In agricoltura è un passaggio complicato quello che va dalla tradizione all’innovazione, perché implica un cambio radicale di mentalità e

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*