Irroratrici, dopo 5 anni controllato solo il 40% delle macchine

Irroratrici, dopo 5 anni controllato solo il 40% delle macchine

I controlli funzionali sull’efficienza e sulla funzionalità delle irroratrici, resi obbligatori da una direttiva comunitaria, a cinque anni dalla prima scadenza utile non superano il 40% del parco macchine. Le uniche regioni un po’ più virtuose sono Emilia-Romagna e Piemonte, mentre in coda alla classifica annoveriamo tutte le regioni meridionali.

I contoterzisti invece si sono comportati in generale piuttosto bene, perché hanno fatto controllare il 95% delle loro attrezzature (e forse non poteva essere altrimenti), mentre agli agricoltori sembra non importare più tanto far controllare le loro attrezzature, che per lo più sono assai datate e quindi con ogni probabilità ben al di fuori dei parametri stabiliti dal Piano di azione nazionale (PAN).

Sul fronte dell’impatto ambientale dell’attività agricola non c’è dubbio che negli ultimi 15-20 anni si è fatto molto, tuttavia rimane la constatazione alquanto amara che una parte degli imprenditori agricoli italiani, probabilmente quelli più avanti con l’età, ancora mal sopportano l’idea di dover essere anche “custodi dell’ambiente”. Invece è opportuno che questa malcelata indifferenza di alcuni agli equilibri ambientali, ai quali l’attività degli agricoltori è legata con fili molto stretti, lasci rapidamente il passo a un atteggiamento più responsabile, se non altro perché la prossima Pac lo renderà indispensabile se si vorrà continuare a esercitare la professione di agricoltore. Quindi vale la pena investire da 100 a 250 euro, una tantum, per far eseguire i controlli funzionali alla propria irroratrice per accorgersi delle tante disfunzioni che portavano a sprechi di prodotto e a malfunzionamenti, senza contare i pericoli anche per la sicurezza personale dell’operatore.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
macchine agricole

Articoli correlati

Cos’è il glifosate, come sceglierlo e come impiegarlo correttamente

Il glifosate è stato scoperto nel 1970, è attivo su 125 specie di malerbe e viene utilizzato in 130 paesi

Gestione sostenibile degli agrofarmaci: le nuove regole europee

Difesa integrata obbligatoria, formazione per gli agricoltori, utilizzatori e controllo periodico funzionale delle irroratrici: sono solo le principali norme introdotte

“Alta produttività e piena sostenibilità con concimazioni fogliari a base di organo-minerali”

Colza (ibrido Miranda): 36 ql/ha. Orzo (varietà Aragona): 72 ql/ha. Grano (varietà Solehio): 94 ql/ha. Sono le produzioni 2020 sin

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*