Premi Pac: come si fa il calcolo dell’età di un giovane agricoltore

Premi Pac: come si fa il calcolo dell’età di un giovane agricoltore

Proviamo a capire cosa succede a un giovane agricoltore che si vuole insediare acquisendo una quota di controllo di una società semplice e che è nato a marzo 1976.

Il soggetto preso come esempio è giovane agricoltore se ha un’età inferiore o uguale a 40 anni compiuti nell’anno di presentazione della domanda Pac. Pertanto nel 2016 un soggetto nato nel 1976 rientra nella definizione di giovane agricoltore.

Poi occorre un secondo requisito, e cioè che il giovane si insedi come capo azienda per la prima volta o che si sia insediato nei cinque anni che precedono la prima presentazione della domanda Pac.

Per quanto riguarda poi l’aspetto societario, Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia sottolinea che Agea ha fissato i requisiti del controllo in base al tipo di società: srl, spa, società cooperativa, società semplice, sas. Una società semplice è “giovane agricoltore” se almeno un socio risponde ai requisiti individuali di “giovane agricoltore” e la società semplice può attingere alla riserva nazionale.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Related Articles

Agricoltori, dobbiamo difendere da soli il nostro lavoro e il nostro futuro. La politica pensa solo alle rendite di posizione

Se dobbiamo credere alla stampa, alla politica nazionale e alle organizzazioni agricole, il futuro dei nostri giovani è nell’agricoltura. Su cosa

Obiettivo 2030: sempre piu verdi con il bio

Notizia recente del 25 marzo dalla Commissione europea, che tra i tanti obiettivi del futuro ha aggiunto l’incremento sostanziale delle

L’agricoltura italiana va riorganizzata e modernizzata. Le risorse ci sono, ma nessuno coordina il cambiamento

Queste considerazioni fanno parte di un articolo di Luigi Barbieri, presidente della Federazione nazionale produttori latte bovino di Confagricoltura, comparso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment