Acquistare seme conciato costa appena 11 euro all’ettaro e ha tanti vantaggi

Acquistare seme conciato costa appena 11 euro all’ettaro e ha tanti vantaggi

Ogni anno bisogna tornare a parlare della concia della semente, perché in Italia ancora oggi oltre la metà degli agricoltori che si apprestano a seminare i cereali vernini, utilizza semente non conciata industrialmente ritenendo, a torto, di fare un grosso guadagno. Invece questa è solo una speculazione errata, come dimostrano tantissime esperienze pratiche di campo condotte da tecnici e da ricercatori, ultima delle quali è stata pubblicata di recente sull’Informatore Agrario.

Prendendo come coltura-esempio l’orzo, su un costo di coltivazione in un’area del centro Italia pari a circa 935 euro/ha, si evince che il maggior costo per l’utilizzo di semente conciata e selezionata è pari solo a 11,7 euro/ha, cioè poco più dell’1% del costo totale. Oltretutto questa spesa viene ripagata da un aumento della produzione, rispetto all’uso di semente non conciata, che è mediamente del 10%.

Oltre all’impatto positivo sulle rese, la concia industriale delle sementi porta a un aumento della germinabilità che consente di ottimizzare la densità di semina; inoltre ci sono alcuni concianti capaci di difendere il seme sino alla levata. Dunque, poiché ogni imprenditore deve puntare all’aumento della redditività, non si giustifica in alcun modo la rinuncia all’utilizzo di seme conciato nell’errata convinzione di conseguire un risparmio significativo che, al contrario, si traduce quasi sempre in una perdita secca. Ma come purtroppo avviene troppo spesso, l’agricoltore non fa prove comparative e non fa i conti sulla convenienza o meno di battere nuove strade. L’immobilismo tecnico, imperniato su schemi mentali troppo radicati al passato, non fa bene alla nostra agricoltura.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
seminativi

Articoli correlati

Mais in Friuli: concimazione, minima lavorazione e semina a dose variabile nell’azienda Pavan

In un precedente articolo abbiamo illustrato come si trasferiscono al terminale installato sul trattore e collegato al satellitare le informazioni

Semine frumento tenero: ecco le varietà su cui puntare nel 2017/2018

Sono 44 anni che si realizzano nei diversi areali italiani le prove ufficiali di confronto varietale da parte del Crea,

Agricoltori, per le prossime semine non dimenticate l’orzo: ecco perché

Al sud 64 quintali/ha di media, con punte di oltre 70 quintali, e al nord e al centro medie di

2 commenti

Scrivi un commento
  1. Gino agricoltore pugliese
    Gino agricoltore pugliese 1 Ottobre, 2019, 18:17

    Si può usare grano conciato nel biologico?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 3 Ottobre, 2019, 12:44

      Buongiorno Gino. Si può usare seme conciato con prodotti speciali a base di batteri e funghi in commercio sotto forma di polvere oppure liquida, e in questo caso si distribuisce insieme al seme con la seminatrice.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*