Addio alla soia nelle aree di interesse ecologico?

Addio alla soia nelle aree di interesse ecologico?

Girava da qualche giorno la notizia che il nostro Mipaaf stava per fare lo sgambetto alle azotofissatrici destinate a quel 5% di superficie a seminativo, che nell’ambito del greening deve essere destinato alle cosiddette aree di interesse ecologico (vedi notizia precedente).

Ecco infatti uno stralcio che riguarda le azotofissatrici e la soia (che è una macroterma), tratto da una bozza di un decreto ministeriale in via di pubblicazione, che pone delle nuove regole per le aree vulnerabili sottoposte alla famigerata direttiva nitrati. Che sono molto estese e comprendono gran parte dell’ area maidicola della Pianura Padana.

Su queste e solo su queste aree, con quanto è scritto qui sotto, ben difficilmente si potrà pensare di seminare soia… anche perché non sarà consentito seminarla se non su un fazzoletto di terra.

da una bozza di decreto ministeriale:

Nelle zone vulnerabili ai nitrati di cui alla direttiva 91/676/CEE, la coltivazione delle colture azofissatrici, finalizzata alla costituzione di aree d’interesse ecologico, è consentita con colture microterme. L’utilizzo di specie di azotofissatrici macroterme, per la costituzione di aree d’interesse ecologico, è consentita se non coprono più del 10% dei seminativi aziendali situati nelle zone vulnerabili ai nitrati.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
azotofissatricigreeningMipaafsoia

Articoli correlati

Grano duro, Barilla rilancia il contratto di coltivazione per 3 anni con prezzo minimo e premio proteine

Tutto dipende dal tenore di proteine, ma comunque, male che vada, con la varietà Aureo si incassano 219,35 euro/tonnellata se

Pac 2015-2020: Agea comunica il portafoglio dei nuovi titoli definitivi e il valore unitario nazionale

Finalmente ce l’abbiamo fatta: ogni agricoltore ora può controllare il numero e il valore dei suoi titoli definitivi Pac 2015-2020

Un credito d’imposta per chi acquista macchine agricole

Il decreto legge Competitività, approvato dal governo alcuni mesi fa, contiene una norma che istituisce un credito di imposta per

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*