Agea: pagati 283 milioni di anticipi Pac e già aperta la domanda 2018

Agea: pagati 283 milioni di anticipi Pac e già aperta la domanda 2018

È stato effettuato il pagamento della domanda Pac 2017 a circa 60mila agricoltori, per un importo pari a 283 milioni di euro. Lo conferma un comunicato di Agea diramato ieri.

Con il decreto n. 5 di Agea, prosegue così l’attività di pagamento degli anticipi della Domanda Unica 2017 da parte dell’organismo pagatore, e così salirà a oltre 954 milioni di euro l’importo totale erogato a favore di circa 424.000 beneficiari.

I pagamenti degli anticipi della Domanda Unica 2017 proseguiranno con cadenza settimanale fino al 30 novembre.

Già aperta la campagna 2018 per la presentazione della domanda Pac

Agea rende noto altresì che, con largo anticipo rispetto all’anno scorso, è stata aperta la campagna 2018 per la presentazione della domanda in forma grafica, con l’obiettivo previsto di raggiungere alla data del 15 maggio 2018, termine ultimo per la presentazione delle domande, il 100% di domande grafiche.

Tutte le domande dovranno essere in forma grafica

Per l’anno 2018 dovrà essere presentata una domanda in forma grafica anche per le misure a superficie dei PSR regionali.

Come rende noto Agea, sono già state aperte sul portale Sian (www.sian.it) le funzioni per la definizione grafica delle consistenze aziendali e di predisposizione dei piani di coltivazione e dal 15 novembre scorso sono disponibili anche quelle di presentazione delle domande grafiche per la campagna 2018 , relativamente a:

  • domande uniche;
  • domande per il regime dei piccoli agricoltori;
  • domande per la misura 13 dello Sviluppo rurale, per le regioni che hanno pubblicato i relativi bandi.

A breve sarà possibile presentare domande grafiche per tutte le casistiche presenti e per tutte le regioni Agea.

«Sono state altresì introdotte nuove regole sui tempi di aggiornamento del fascicolo aziendale – afferma infine la nota di Agea – per evitare che questa attività si concentri nella fase di scadenza di presentazione delle domande. La messa a disposizione delle funzioni di presentazione delle domande 2018, in tempi significativamente anticipati rispetto alle tempistiche seguite negli anni precedenti, consentirà alle imprese agricole e ai Centri di Assistenza Agricola, che costituiscono parte integrante e sostanziale del sistema, di disporre dei tempi utili per adempiere alle disposizioni normative comunitarie e nazionali per l’accesso ai contributi agricoli».

Tutto questo è nelle buone intenzioni di Agea, con la speranza che tutti i sistemi informatici riescano a colloquiare tra di loro e non incappino in disfunzioni e malfunzionamenti che sono stati all’ordine del giorno in tutte le passate campagne.


Tag assegnati a questo articolo:
Ageapac 2017pagamenti pac

Articoli correlati

Un credito d’imposta per chi acquista macchine agricole

Il decreto legge Competitività, approvato dal governo alcuni mesi fa, contiene una norma che istituisce un credito di imposta per

Grano duro: ecco perché gli agricoltori non vedono di buon occhio i contratti di coltivazione

«Non voglio vincoli», «non è conveniente», «non mi fido», «mai sentito parlare». Queste sono le risposte, in ordine percentuale decrescente,

L’Europa si accorge che l’agricoltura conservativa è decisiva per mitigare le emissioni di carbonio

Utilizzando l’agricoltura conservativa, in Europa gli agricoltori potrebbero eliminare quasi 200 milioni di tonnellate di CO2 dall’atmosfera, semplicemente cambiando il

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*