Kverneland ad Agritechnica

Agricoltura biologica, un boom che non si ferma. E che deve coinvolgere anche i seminativi

Agricoltura biologica, un boom che non si ferma. E che deve coinvolgere anche i seminativi

Produciamo quello che chiede il mercato e avremo più soddisfazioni economiche. La regola è universale, ma non sempre l’agricoltore riesce a trarne vantaggi, fatta eccezione per chi produce seminativi biologici, perché da qualche anno i prezzi di mercato sono doppi o tripli rispetto al prodotto tradizionale. D’altra parte, i numeri delle vendite del mondo “bio” in Italia parlano chiaro su come la pensano i consumatori: ammontano a 1,12 miliardi di euro all’anno, con una crescita a doppia cifra rispetto all’anno precedente.

Le aziende agricole che fanno bio in Italia sono passate da 60.000 del 2015 a 75.000 nel 2016. La maggior parte di queste aziende produce vite, frutta, ortaggi e uova, ma da qualche tempo sta crescendo anche il comparto delle aziende a seminativo, dal momento che i prezzi di mercato incentivano la conversione al biologico.

Allora conviene fare frumento, mais, soia eccetera biologici? Certamente sì, a patto di seguire con attenzione un percorso colturale che non si improvvisa, ma che va modulato sulla base delle nuove esigenze, perché chi fa bio deve rispettare parecchi “paletti”, tra i quali il più oneroso dal punto di vista tecnico riguarda il divieto all’uso degli erbicidi.

Ma ancora una volta, l’innovazione tecnologica e agronomica vengono in aiuto dell’agricoltore che sa informarsi. L’esperienza di alcuni agricoltori bio dice infatti che con le minime lavorazioni del suolo, abbinate alla rotazione colturale (un punto cardine del regime bio) e alla uso delle cover crops o colture di copertura, insieme alla tecnica della “falsa semina”, consentono anno dopo anno di limitare sempre più la presenza delle infestanti, riuscendo a produrre senza l’uso di erbicidi.

Il rispetto del suolo e il suo progressivo miglioramento in termini di fertilità fisica, chimica e biologica è insomma ancora una volta alla base dei successi produttivi. Anche dei produttori di seminativi biologici.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura biologica

Articoli correlati

Pac, applicazione e verifica agricoltori attivi: un rompicapo che ostacola i pagamenti

«La verifica di “agricoltore attivo”, requisito necessario per ottenere i contributi della Pac, si sta rivelando molto complessa con molte

Speziali: ”Contoterzisti pronti a nuove sfide, ma basta con l’inquadramento di artigiani”

«Ci sono sempre meno “agricoltori tuttofare” e sempre più imprenditori che, indipendentemente dalle dimensioni della propria azienda, optano per un

Grano duro: conviene coltivare con mezzi propri o rivolgersi al contoterzista?

Con prezzi di mercato bassi, una redditività ridotta e le incertezze derivanti dalla globalizzazione, non c’è dubbio che gli agricoltori

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*