Agricoltura, il “modello Findus” che fa tornare i conti per i seminativi

Agricoltura, il “modello Findus” che fa tornare i conti per i seminativi

Le orticole surgelate Findus sono diverse da grano, orzo, mais, soia, colza, girasole e sorgo, lo sappiamo, ma quello che conta è applicare un modello di “filiera chiusa” che punta sulla professionalità, sulla programmazione e sul rapporto di fiducia tra agricoltore e trasformatore. Oggi quello che conta è avere un obiettivo comune e mettersi insieme per perseguirlo con competenza e passione.

Findus trasforma in 4 stabilimenti italiani le orticole prodotte su oltre 2100 ettari da 700 aziende agricole dislocate in diverse regioni, seguite costantemente da sei agronomi, con una media di anzianità di conferimento di 24 anni. Se il rapporto di collaborazione in filiera ha raggiunto questo livello, si vede che gli agricoltori e la Findus si trovano bene.

Su cosa si basa tanta fiducia? Di certo sui buoni rapporti umani, ma soprattutto sui risultati economici che si conseguono, con uno stile di contrattazione “da pari a pari” che nel campo dei cereali solo alcuni pastifici e mulini sono riusciti a realizzare.

Come vengono stipulati i contratti e fissati i prezzi

Il rapporto tra Findus e agricoltori è così stretto che vengono organizzati ogni anno corsi di formazione che sono momenti di condivisione e di confronto dove si parla di economia, ma anche di continua crescita professionale e agronomica per gli imprenditori agricoli.

I contratti di coltivazione tra Findus e agricoltori vengono stipulati di anno in anno, divisi per coltura. Prima delle semine si programma la campagna, cioè si decidono insieme gli ettari da coltivare, le varietà da seminare, la tecnica di coltivazione e il prezzo, che è fisso in ogni zona e varia in base all’areale con pagamenti a 30 giorni fine mese dal conferimento della merce. Naturalmente vengono inserite le specifiche e le caratteristiche dei prodotti da consegnare.

Il prezzo viene stabilito in anticipo, per garantire una redditività all’agricoltore e ogni anno Findus corregge le quotazioni in base all’aumento dei costi di coltivazione.

Supporto all’agricoltore per la contabilità aziendale

Findus supporta gli agricoltori conferenti nella stesura del business plan aziendale, perché le aziende agricole devono avere ben chiari costi e ricavi e conoscere nel dettaglio entrare e uscite. E se ci si accorge che un appezzamento non è adatto a una certa coltura, è inutile insistere, perché altrimenti non sarebbe garantito un reddito adeguato.

Pastai, mulini e cerealicoltori insoddisfatti, ora avete capito come si fa a fare filiera con soddisfazione economica di tutti?

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura

Articoli correlati

Agricoltura, rinnovato per il 2018 il Fondo Grano Duro per chi sottoscrive contratti di filiera

Il decreto del Mipaaf n. 4250 stanzia 10 milioni di euro per la campagna granaria 2018 a sostegno degli agricoltori

Dopo i ritardi dei pagamenti Pac 2015, ora c’è l’intesa con banche e Agea. Servirà?

La scandalosa questione dei ritardi accumulati nei pagamenti dell’anticipo Pac 2015 ha almeno prodotto un’intesa raggiunta tra Mipaaf, Agea e

Domanda Pac e agricoltori attivi, cambiano i requisiti per il 2018. Scadenza 15 giugno

Sino alla fine del 2017, l’agricoltore che riceve la Pac doveva dimostrare di essere “agricoltore attivo” attraverso sei fattispecie. Da quest’anno,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*