“Alta produttività e piena sostenibilità con concimazioni fogliari a base di organo-minerali”

“Alta produttività e piena sostenibilità con concimazioni fogliari a base di organo-minerali”

Colza (ibrido Miranda): 36 ql/ha. Orzo (varietà Aragona): 72 ql/ha. Grano (varietà Solehio): 94 ql/ha. Sono le produzioni 2020 sin qui raggiunte da Enrico Soffiati di Cerea (Verona) quando ancora vegetano in un ottimo stato il mais, il girasole e la soia, che lasciano ben sperare per altri record d’annata.

Enrico Soffiati nella sua azienda di Cerea (Verona).

Soffiati, quali sono le chiavi del successo produttivo di quest’anno?

«Per le colture invernali come quelle indicate, dove abbiamo raggiunto produzioni molto importanti e un vero e proprio record aziendale per quanto riguarda il grano tenero, non c’è dubbio che l’andamento stagionale è stato favorevole, anche se nel mese di aprile siamo intervenuti con irrigazioni di soccorso sul grano. Poi indubbiamente la perfetta preparazione dei terreni e alcuni accorgimenti agronomici mirati che ho adottato hanno favorito l’ottima riuscita dei raccolti».

Con i cereali vernini nel 2020 Soffiati ha raggiunto produzioni molto elevate, con 94 ql/ha per il grano e 72 ql/ha per l’orzo

Qualche esempio di scelte vincenti?

«Davanti a tutto metto la scelta di sostituire gran parte dei concimi chimici tradizionali con i trattamenti fogliari, a base di concimi organici e organo-minerali, da effettuare in concomitanza con interventi insetticidi e/o fungicidi. Questa strategia si sposa perfettamente con la sempre maggiore attenzione che dobbiamo rivolgere agli equilibri ambientali, limitando il più possibile l’uso della chimica, senza per questo penalizzare i conti aziendali».

Quindi sulle colture come si è tradotta nella pratica questa sua scelta agronomica?

«Sul colza, in corrispondenza del trattamento insetticida contro l’altica, ho distribuito a 6 kg/ha il concime organico fogliare Emosprint di Fomet e successivamente, con il trattamento contro il meligete, ho effettuato un secondo trattamento fogliare con Sprinter S (Fomet), a 3 kg/ha in corrispondenza del bottone fiorale. A mio avviso questi due trattamenti hanno avuto un effetto rilevante sulla resa finale del colza. Il colza è una coltura che adotto da anni nel mio piano colturale per avvicendarla ai cereali a paglia e che, grazie al fatto che si raccoglie una ventina di giorni prima del grano, può consentire di seminare soia di secondo raccolto. Anche sull’orzo ho effettuato i trattamenti fogliari e i risultati produttivi non sono mancati».

I trattamenti fogliari con concimi organici hanno influenzato positivamente la produttività del colza, che ha raggiunto i 36 ql/ha.

Le caratteristiche vincenti dei fertilizzanti

Emosprint contiene tutti gli elementi tipici del sangue che aiutano i tessuti a rinverdire, consentendo alla pianta un risparmio di energia su tutte le reazioni biochimiche, in quanto il prodotto fornisce proteine già sintetizzate e aminoacidi liberi di pronto utilizzo. Inoltre stimola l’attività batterica utile alla fertilità del terreno e favorisce una maggiore produzione e una migliore qualità al raccolto, venendo in soccorso della pianta in tutte le situazioni di scarso sviluppo o di stress.

Sprinter-S, a base di azoto organico, ammoniacale, ureico e zolfo solubile in acqua, è un formulato a uso fogliare la cui azione principale è quella di fornire nutrimento azotato e stimolazione vegetativa nelle fasi fenologiche più importanti del ciclo colturale. Grazie allo zolfo facilmente assorbibile si favorisce l’aumento del peso specifico e del contenuto proteico. È miscelabile con i fitofarmaci antiparassitari ed erbicidi (purché non siano a reazione fortemente acida) in sostituzione del “bagnante” al fine di prevenire-soccorrere possibili effetti di “stress” sulla pianta anche causati da miscele aggressive di principi attivi.

Anche il girasole e il mais in casa Soffiati lasciano ben sperare, per puntare a produzioni molto elevate per chiudere l’annata 2020 con un pieno successo.

Diserbo di pre-emergenza, la chiave di successo per il grano

Anche il record produttivo aziendale raggiunto dal grano Solehio non è casuale…

«Un elemento chiave per l’eccezionale riuscita del mio grano quest’anno risiede, a mio parere, nella perfetta riuscita del trattamento di diserbo di pre-emergenza (con Avadex Combi di Gowan). Sono convinto che mettere il frumento al riparo sin dai primi stadi di crescita, da qualsiasi forma di competizione da parte delle infestanti, permetta alla coltura di affrontare l’inverno con il giusto vigore vegetativo, per poi ripartire alla grande in primavera. Anche al frumento non ho fatto mancare i trattamenti di concimazione fogliare, che sono stati addirittura tre».

Quanto incidono i trattamenti di concimazione fogliare sul conto colturale?

«Con i prodotti che uso, e che considero molto validi, la forbice va da 15 a 20 euro/ha al massimo, per trattamento. Ma posso assicurare che sono soldi spesi molto bene e tornano a casa con tutti gli interessi!»

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
colzaEnrico Soffiati

Articoli correlati

Frumento, per produrre e fare qualità occorre il doppio intervento fungicida

Non sappiamo come saranno quest’anno i prezzi del frumento duro e tenero, tuttavia non possiamo rinunciare a una spesa fondamentale,

Mais: l’ibrido precocissimo ad alta densità per contrastare il cambiamento climatico

Ci vuole la seminatrice adatta per la semina a diamante Ma se si adotta l’alto investimento occorre anche spaziare in maniera diversa

Frumento: qual è l’epoca giusta per effettuare i trattamenti contro septoriosi e fusariosi

Ci sono le ruggini e c’è l’oidio, ma non c’è dubbio che i due nemici giurati più pericolosi per i

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*