Advertisement

Analisi fertilità terreno: quali effettuare e perché

Analisi fertilità terreno: quali effettuare e perché

Un piano di fertilizzazione sostenibile, cioè che apporti una quantità di nutrienti calibrata in funzione delle asportazioni delle colture, non può prescindere dall’analisi fisica e chimica del terreno che deve effettuarsi ogni anno, soprattutto se l’azienda agricola non dispone di dati storici. Dopo avere acquisito i dati analitici per un certo periodo, o se già si dispone di uno storico di informazioni analitiche, le analisi di routine possono anche essere eseguite solo ogni 2-3 anni.

Conoscere i propri terreni è indispensabile per raggiungere i più alti obiettivi di resa, qualità e redditività. Per questo, si elencano di seguito quali analisi fertilità terreno occorre richiedere ai laboratori specializzati, e i motivi di ogni singolo parametro.

Tessitura

È importante conoscere se un terreno è sabbioso, argilloso, limoso, eccetera, per poi determinare la scelta della coltura e le pratiche colturali.

pH

Al variare dell’acidità del terreno variano la disponibilità di nutrienti del suolo, e le colture possono essere acidofile (prediligono terreni acidi), alcalofile (prediligono terreni alcalini) o neutrofile (prediligono terreni neutri).

Calcare totale

I materiali calcarei, se sono in eccesso, inibiscono l’assorbimento di ferro e fosforo e innalzano il pH del suolo.

Calcare attivo

È la frazione di carbonati presenti nella soluzione circolante, cioè le particelle calcaree più fini e reattive. Un eccesso di calcare attivo porta alla clorosi ferrica.

Sostanza organica

Ha funzioni nutritive e stabilizza gli aggregati del terreno, quindi migliora la struttura e la fertilità del suolo.

Azoto totale

Non esprime le forme disponibili per le piante, per cui è preferibile aggiungere anche l’analisi dell’azoto minerale che esprime invece i nitrati, i nitriti e l’ammonio.

Il rapporto C/N

Il valore ottimale è uguale a 10. Se è inferiore a 10, nel terreno vi è una veloce mineralizzazione della sostanza organica con impoverimento e liberazione di azoto. Se è superiore a 10, vi è impoverimento di azoto e di sostanza organica

Fosforo assimilabile

Entra a far parte di tutti i processi biochimici di una pianta e il suo assorbimento dipende dal pH. Con pH elevati, il fosforo forma fosfato bicalcico e tricalcico non assimilabile dalle piante.

Potassio assimilabile

Il potassio è nel terreno nella forma minerale legato alle argille. I terreni poveri di sostanza organica, cioè sabbiosi, sono spesso poco dotati di potassio.

Macroelementi assimilabili

  • Il magnesio (Mg) attiva la clorofilla e i processi enzimatici.
  • Il calcio (Ca) concorre alla buona struttura del terreno, ma quantità elevate alzano il valore del pH e rendono fosforo e ferro poco assimilabili dalle piante.
  • Il sodio (Na) è importante in piccole quantità; dosi elevate ostacolano lo sviluppo delle piante.
  • Il ferro (Fe) interviene nella fotosintesi, nella respirazione e sintesi proteica delle piante.
  • Lo zinco (Zn) svolge un ruolo centrale nella germinazione e nella formazione di amido.
  • Il rame (Cu) ha una funzione chiave nella sintesi delle proteine e di alcuni pigmenti. Un eccesso di fosforo ne determina una carenza.
  • Il manganese (Mn) interviene della fotosintesi e nella produzione delle proteine. Una carenza di Mn può derivare da pH elevato e acido.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Il frumento si diserba in post emergenza

Il problema emergente nel diserbo dei cereali è la diffusione di popolazioni di infestanti resistenti agli erbicidi di post emergenza.

Diserbo mais: perché scegliere l’intervento di pre-emergenza con gli erbicidi residuali

Sul mais, per combattere le principali infestanti, la maggior parte dei bravi agricoltori si orienta sulla prevenzione, cioè sui trattamenti

Come si diserba la medica al primo impianto

La nuova Pac, che incentiva la diversificazione colturale, oltre alla soia porterà verosimilmente a una più estesa superficie di erba

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*