Spandiconcime Kverneland

Lavorazione combinata alla semina: come funziona

Lavorazione combinata alla semina: come funziona

Le macchine combinate per la semina consentono di eseguire una lavorazione contemporanea alla semina su terreno già parzialmente lavorato oppure direttamente su terreno sodo. I principali vantaggi della lavorazione del terreno combinata alla semina sono i seguenti:

  1. Preparazione di un buon letto di semina eliminando eventuali ormaie.
  2. Buona miscelazione del residuo colturale con il terreno.
  3. Eliminazione delle infestanti da seme.
  4. Tempestività di intervento e riduzione dei passaggi.
  5. Elevata velocità di lavoro.
  6. Possibilità di gestire con efficienza appezzamenti molto frazionati e di modeste dimensioni sfruttando al meglio le ristrette finestre operative.

Fra le seminatrici combinate si distinguono due tipologie:

  1. Combinate con attrezzature per la lavorazione del terreno non azionate dalla presa di forza. Pregi: minore consumo di combustibile, tempestività di intervento, elevata capacità di lavoro, grande autonomia, buona aggressività sui residui colturali se dotate di dischi e rulli.
  2. Combinate con erpici rotanti. Pregi: migliore capacità di smuovere, pareggiare e riassestare il terreno, ottima preparazione del letto di semina, omogenea distribuzione in superficie del residuo colturale se ben trinciato, possibilità di decompattare un terreno in cattive condizioni con una fila di ancore.
Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
macchine agricolesemina su sodoseminatrici combinate

Articoli correlati

Un fantastico mais seminato su terreno coperto dall’autunno 2015 con diversi tipi di cover crops

Condifesa Lombardia Nord-Est ha organizzato nei giorni scorsi un incontro tecnico dedicato al diserbo, tenutosi nell’azienda Motti a Orzinuovi (Brescia).

Grano Armando: l’agricoltore guadagna e l’industria ha il prodotto che desidera

Di filiera si parla sempre tanto e a volte in maniera un po’ astratta, ma quando capita di imbattersi in

Filiera certificata per soia e mais bianco

Si chiama DTP 112 ed è stato messo a punto da CSQA, noto ente di certificazione, con le industrie di

1 commento

Scrivi un commento
  1. carlino27
    carlino27 21 ottobre, 2015, 20:21

    in teoria ottimo, ma in pratica sarebbe molto interessante constatare……

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*