Banca delle terre Ismea: aperta la procedura per la vendita di 8mila ettari

Banca delle terre Ismea: aperta la procedura per la vendita di 8mila ettari

Il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ha reso noto che è stata aperta la procedura di messa in vendita di 8mila ettari della Banca nazionale delle terre agricole, pronti a essere coltivati. Si tratta del primo lotto che fa parte di un’operazione complessiva da oltre 20mila ettari.

Come funziona la vendita

Trovare un terreno è facile come un click, visto che il sito ha le terre geolocalizzate che possono essere ricercate per Regione. Sul sito di Ismea sono disponibili tutte le informazioni, dalla posizione alle caratteristiche naturali, dalle tipologie di coltivazioni ai valori catastali. Gli utenti possono consultare la Banca anche per grandezza dei terreni disponibili, potendo così fare ricerche più mirate alle esigenze produttive.

Dove sono i terreni

Nel complesso in Italia si contano ben 8.174 ettari di terreno agricolo. La Sicilia è la regione italiana più agricola, con ben 1.700 ettari di terreno; seguono Toscana e Basilicata con 1.300 ettari, Puglia con 1.200, Sardegna con 660 ettari e quasi 500 ettari in Emilia-Romagna e Lazio.

Cosa producono i terreni

Le colture sono molteplici e variano dal seminativo (3.770 ettari) ai prati e pascoli (1.930 ettari) ai boschi (800 ettari). Significativi gli ettari destinati alla coltivazione di uliveti e vigneti, rispettivamente 450 e 340 unità.

La procedura per l’acquisto

La procedura di acquisto dei terreni Ismea prevede un percorso semplice:

  • Da dicembre: manifestazione d’interesse per uno o più lotti sul sito della Banca della Terra.
  • Da febbraio: procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse.

Agevolazioni per i giovani

C’è la possibilità di mutui a condizioni più favorevoli da parte di Ismea se la richiesta è effettuata da un under 40.

Le risposte di Ismea alle domande più frequenti

Chi può accedere alla Banca?
Tutti possono accedere alla Banca. L’accesso è gratuito. È sufficiente registrarsi al sito istituzionale Ismea, fornendo un indirizzo di posta elettronica e una password.
Se si è già registrati al sito www.ismea.it, per l’accesso alla Banca è possibile utilizzare le stesse credenziali (username e password).

Cosa fare in caso di problemi nella registrazione?
È possibile rivolgersi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, inviando una e-mail da un indirizzo di posta elettronica ordinaria (non certificata) aurp@ismea.it o contattando i numeri 06 85568319 o 06 85568260 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 13.30 ed il lunedì e mercoledì anche dalle ore 14.30 alle ore 17.00.

Come posso acquistare un terreno presente nella Banca Nazionale delle Terre Agricole?
È sufficiente inviare una Manifestazione di interesse (MDI), mediante la compilazione di un form disponibile sul portale dedicato. Tutti coloro che hanno manifestato interesse saranno invitati a partecipare alla procedura di vendita del terreno, mediante la presentazione di un’offerta economica di importo non inferiore a quello a base d’asta.
Per acquistare un terreno sulla Banca è obbligatorio disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

L’invio della Manifestazione d’interesse comporta un obbligo per il richiedente?
No. La manifestazione di interesse non è impegnativa ma è necessaria affinché l’utente possa essere invitato alla successiva fase della procedura di vendita del terreno.

È possibile manifestare interesse per più di un terreno?
Sì. In tal caso, l’utente dovrà compilare il form di MDI per ciascun terreno di interesse.

Come posso accertarmi del corretto invio della Manifestazione di interesse?
Al termine della compilazione, l’utente riceve all’indirizzo PEC indicato nella MDI una mail con un link, da cliccare per completare l’invio della manifestazione di interesse. Il sistema conferma con una PEC la corretta ricezione della MDI, rilasciandone una copia in PDF.

Chi può accedere al mutuo ipotecario per l’acquisto dei terreni?
L’accesso al mutuo ipotecario è riservato al “giovane imprenditore agricolo”.
Al momento della manifestazione di interesse, l’utente deve risultare in possesso dei seguenti requisiti:

Se trattasi di impresa individuale, deve essere:

  • amministrata da un soggetto di età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 non compiuti;
  • iscritta al registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • titolare di partita IVA in campo agricolo;
  • iscritta al regime previdenziale agricolo.

Se trattasi di società, deve essere:

  • iscritta al registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • titolare di partita IVA in campo agricolo;
  • avente per oggetto sociale l’esercizio esclusivo delle attività di cui all’art. 2135 c.c.;
  • recare l’indicazione di “società agricola” nella ragione o nella denominazione sociale;
  • avere una maggioranza assoluta, numerica e di quote di partecipazione, di soci di età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non compiuti;
  • amministrata da soggetti di età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non compiuti.

È necessario presentare un piano aziendale da parte dei giovani imprenditori agricoli per accedere al mutuo?
No. Per l’accesso al mutuo ipotecario è sufficiente possedere al momento della compilazione del form MDI, i requisiti soggettivi di “giovane imprenditore agricolo”.

Come sono venduti i terreni?
I terreni sono venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, con le relative accessioni e pertinenze, diritti e servitù attive e passive, oneri, canoni, vincoli esistenti anche non noti e non trascritti, senza alcun obbligo da parte di ISMEA di provvedere ad opere di manutenzione, regolarizzazione, sgombero o smaltimento di materiali o rifiuti di qualsiasi genere eventualmente presenti in loco.
Eventuali attività per il rilascio del fondo sono indicate nella scheda tecnica (Rilascio eseguito o Rilascio da eseguire).
ISMEA supporterà, su richiesta, l’aggiudicatario nell’espletamento delle attività esecutive.

Per presentare la manifestazione di interesse è necessario versare un deposito cauzionale?
No, il versamento del deposito cauzionale è previsto soltanto in caso di presentazione di un’offerta economica per l’acquisto del terreno.

A seguito della procedura di vendita per asta, è possibile esercitare il diritto di prelazione?
No. Ai sensi dell’art.13, comma 4 quater, del citato D.L. 193/2016, il diritto di prelazione agraria non si applica alla vendita dei terreni ISMEA.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Ismea

Articoli correlati

Grano duro: i contratti Divella e De Matteis garantiscono all’agricoltore 27 euro/quintale

Il Pastificio Divella ha siglato un accordo con la Società cooperativa agricoltori del Fortore (Scaf) che gli permetterà di assicurarsi

Dalla Commissione UE i primi segnali di come sarà la nuova Pac post 2020

Chi dà da mangiare ai 500 milioni di cittadini europei? I 22 milioni di addetti al settore agricolo, che custodiscono e

Nuova Pac: per i giovani solo poche briciole

La nuova Pac prevede un pagamento specifico per i giovani con l’obiettivo di favorire il ricambio generazionale. I beneficiari sono le

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*