Campagna finanziaria Young 140

Cambiano le regole per i mangimi dei prodotti DOP

Cambiano le regole per i mangimi dei prodotti DOP

Una nuova norma entrata in vigore da pochi mesi fissa le regole per la provenienza dei mangimi utilizzati per alimentare un animale destinato a fornire la materia prima per un prodotto alimentare DOP. Per tali prodotti tutte le fasi del processo produttivo debbono svolgersi nella zona geografica delimitata. Dunque l’approvvigionamento dei mangimi deve avvenire all’interno di un determinato territorio. Ove non fosse possibile tecnicamente, è ammessa la possibilità di acquistare dall’esterno fino al 50% della materia secca necessaria su base annuale per la dieta degli animali.

In pratica, un produttore di latte destinato al Parmigiano Reggiano avrà la necessità di reperire almeno il 50% della dieta alimentare entro i confini della zona delimitata dal disciplinare di produzione. Lo stesso dicasi per Grana Padano o per chi alleva suini destinati al circuito dei salumi DOP.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
mangimi

Articoli correlati

Bruxelles stanzia 150 milioni di euro per produrre meno latte. Ma è la soluzione giusta?

La crisi del prezzo basso del latte alla produzione non colpisce solo l’Italia, ma ormai, nell’era post-quote, è arrivata un po’

Attenzione alle micotossine nel silomais

La presenza di micotossine nel silomais, oltre che alterare la funzionalità del rumine, determina un cattivo assorbimento a livello intestinale

Biogas, il pretrattamento enzimatico per aumentare le rese e ridurre la quantità di biomassa vegetale

Un’interessante prova pratica in un impianto di biogas da 1 MWe, realizzata dall’Enea di Bologna, dimostra come un sistema di

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*