Campagna finanziaria Young 140

Come ottenere foraggio di alta qualità con un cantiere di raccolta veloce e sicuro

Anche quest’anno l’andamento stagionale ha premiato gli agricoltori che si sono dotati di attrezzature innovative e molto performanti per la gestione dei foraggi. Oggi più che mai le finestre utili per operare si sono ridotte al lumicino, quindi occorre andare in campo con cantieri veloci e che garantiscono prodotti di qualità.

Un esempio vincente è la combinazione di taglio Vicon costituita da Extra 632 FR anteriore ed Extra 7100 R Butterfly posteriore, che permette una larghezza di lavoro di 9,80 metri e di sfruttare le peculiarità della sospensione QuattroLink, tecnologia derivata dalle auto da corsa. L’unità di taglio può lavorare con escursioni fino a 700 mm in altezza e a 30° gradi trasversalmente.

Come una macchina da corsa viene assicurata una costante motricità a terra su tutta la larghezza di taglio. La reattività che le quattro braccia assicurano alla barra incrementerà la produttività in qualsiasi condizione di terreno.

Eccezionale risulta poi l’adattamento al terreno. La sospensione a quattro braccia assicura alla macchina una trazione costante su tutta la sua totale escursione, 400 mm verso l’alto e 300 mm verso il basso. Inoltre il condizionatore a rulli Chevron fornisce delicatezza e gestione ottimale delle colture fragili come erba medica o trifoglio e preserva i valori nutrizionali del prodotto, favorendo un’essiccazione uniforme.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
macchine agricoleVicon

Articoli correlati

I voltafieno che ‘accarezzano’ il foraggio

Una volta tagliato, il foraggio deve perdere acqua il più rapidamente possibile, e per questo si utilizzano i voltafieno. Il rimescolamento

Quando funzionano i sistemi di assistenza tecnica regionale, le stalle chiudono meno

Dal 1998 al 2014 in Italia il numero di stalle di bovini da latte è sceso da 89.836 a 34.231,

Stalle da latte: un’indagine dell’Università di Milano ci svela cosa non va e dove migliorare

39 stalle da latte del milanese, del lodigiano e del cremasco, con circa 200 capi in produzione, sono state oggetto

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*