Come ottenere foraggio di alta qualità con un cantiere di raccolta veloce e sicuro

Anche quest’anno l’andamento stagionale ha premiato gli agricoltori che si sono dotati di attrezzature innovative e molto performanti per la gestione dei foraggi. Oggi più che mai le finestre utili per operare si sono ridotte al lumicino, quindi occorre andare in campo con cantieri veloci e che garantiscono prodotti di qualità.

Un esempio vincente è la combinazione di taglio Vicon costituita da Extra 632 FR anteriore ed Extra 7100 R Butterfly posteriore, che permette una larghezza di lavoro di 9,80 metri e di sfruttare le peculiarità della sospensione QuattroLink, tecnologia derivata dalle auto da corsa. L’unità di taglio può lavorare con escursioni fino a 700 mm in altezza e a 30° gradi trasversalmente.

Come una macchina da corsa viene assicurata una costante motricità a terra su tutta la larghezza di taglio. La reattività che le quattro braccia assicurano alla barra incrementerà la produttività in qualsiasi condizione di terreno.

Eccezionale risulta poi l’adattamento al terreno. La sospensione a quattro braccia assicura alla macchina una trazione costante su tutta la sua totale escursione, 400 mm verso l’alto e 300 mm verso il basso. Inoltre il condizionatore a rulli Chevron fornisce delicatezza e gestione ottimale delle colture fragili come erba medica o trifoglio e preserva i valori nutrizionali del prodotto, favorendo un’essiccazione uniforme.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tags assigned to this article:
macchine agricoleVicon

Related Articles

Biogas, il pretrattamento enzimatico per aumentare le rese e ridurre la quantità di biomassa vegetale

Un’interessante prova pratica in un impianto di biogas da 1 MWe, realizzata dall’Enea di Bologna, dimostra come un sistema di

Per raccogliere foraggio di qualità si fa sempre più ricorso ai contoterzisti innovatori

L’allevatore, oberato dai vincoli di una legislazione complicata e dai problemi di gestione della stalla, sempre più spesso affida la

Bruxelles stanzia 150 milioni di euro per produrre meno latte. Ma è la soluzione giusta?

La crisi del prezzo basso del latte alla produzione non colpisce solo l’Italia, ma ormai, nell’era post-quote, è arrivata un po’

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment