Campagna finanziaria Kverneland

Coriandolo da seme, una buona opportunità per una coltura a contratto richiesta dal mercato

Coriandolo da seme, una buona opportunità per una coltura a contratto richiesta dal mercato

Record 2015 per il coriandolo da seme, che ha tagliato il traguardo dei 20 mila ettari in Emilia-Romagna, Marche, Toscana, Molise e Puglia. In questo momento la domanda da parte dei mercati internazionali è sostenuta e la Società Anseme (via Cipro 60, Cesena- www.anseme.it- Tel. 0547/382121), che stipula con gli agricoltori i contratti di coltivazione, ha in programma un aumento di superficie da coltivare per il raccolto 2016.

Il coriandolo da seme mostra le seguenti peculiarità:

  1. Viene coltivato solo sotto contratto con un prezzo del raccolto stabilito prima di effettuare le semine. Questo garantisce una risposta certa, eliminando i rischi legati alla volatilità dei mercati.
  2. Il seme necessario per la semina viene fornito gratuitamente da Anseme.
  3. La coltura si inserisce bene in tutte le rotazioni.
  4. La coltura può rientrare nella diversificazione delle tre colture prevista dalla Pac.
  5. La pianta è molto rustica, resiste a parassiti e fitopatie e si adatta a tutti i tipi di suolo.
  6. Ciclo colturale breve con semina da ottobre a marzo e raccolta a luglio-agosto.
  7. Coltura totalmente meccanizzata con le stesse attrezzature usate per il grano.
  8. Non va irrigata ed è sgradevole per cinghiali e ungulati.

La tecnica colturale prevede:

  • Preparazione del letto di semina con due passaggi.
  • Concimazione in post emergenza con nitrato ammonico.
  • Semina con 10 kg seme /ha.
  • Diserbo in pre emergenza.

Le rese variano tra 1,5 e 2,5 t/ha di seme in funzione della varietà e dell’andamento stagionale e con un prezzo del seme intorno ai 60 euro/ql (chiedere ad Anseme i prezzi prefissati per il 2016), la plv si può aggirare sui 1300 euro/ha. Non male, visti i tempi!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
coriandolo da seme

Articoli correlati

Mais: per scegliere l’ibrido giusto, non bisogna guardare solo la produttività

Le prove agronomiche sugli ibridi di mais nel 2017, coordinate dalla sede di Bergamo del Crea, forniscono ancora una volta

Mais: evitare stress, combattere la piralide e usare il sistema biologico del ceppo AF-X1 contro le aflatossine

Il rischio di contaminazione per il mais, soprattutto da aflatossine, è in aumento – almeno così dicono gli esperti, in

Record mondiale di velocità di semina: con Optima SX si fanno i 18 km/h

Nei giorni scorsi alla fiera Agritechnica di Hannover è stato presentato un rivoluzionario sistema di semina realizzato da Kverneland e

3 commenti

Scrivi un commento
  1. galassetti marco
    galassetti marco 22 agosto, 2016, 19:33

    a chi mi devo rivolgere per avere io seme e per fare il contratto

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 30 agosto, 2016, 06:44

      Gentile sig. Galassetti, nell’articolo abbiamo indicato i recapiti della società Anseme di Cesena con la quale si fanno i contratti.

      Rispondi a questo commento
      • francesco
        francesco 9 settembre, 2016, 18:27

        Purtroppo ho saputo che la Anseme non ritira coriandolo dalle isole.
        può farci sapere chi è interessato ad acquistare seme dalla Sardegna?

        Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*