Dekalb Italia

Cosa deve fare un giovane agricoltore se subentra in un’azienda con titoli Pac molto bassi

Cosa deve fare un giovane agricoltore se subentra in un’azienda con titoli Pac molto bassi

Poniamo che un giovane agricoltore subentri in un’azienda agricola che ha bassi titoli Pac, attorno a 80 euro/ha. Il soggetto deve rinunciare ai titoli dell’azienda e fare domanda alla riserva nazionale come giovane agricoltore, oppure fare il trasferimento dei titoli e chiedere poi l’adeguamento nella fattispecie di riferimento per il 2018?

Secondo Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia, massimo esperto italiano di Pac, le due soluzioni portano allo stesso risultato, in quanto in entrambi i casi il giovane agricoltore avrà un’assegnazione dei titoli pari al valore medio della riserva nazionale.

Il giovane agricoltore ha la priorità e la certezza di ricevere i titoli dalla riserva presentando la domanda nella fattispecie A “giovani agricoltori”. Infatti gli agricoltori di cui alle fattispecie A e B che non detengono alcun titolo hanno diritto a ricevere un numero di titoli pari al numero di ettari ammissibili che detengono l’ultimo giorno utile per la presentazione della domanda unica e per un valore unitario che corrisponde al valore della riserva nazionale.

Qualora gli agricoltori delle fattispecie A e B detengano già titoli, hanno il diritto a ricevere un numero di titoli pari al numero di ettari ammissibili dichiarati in domanda Pac per i quali non detengono alcun titolo e per un valore unitario corrispondente al valore della riserva nazionale. Se il valore unitario dei titoli che l’agricoltore possiede è inferiore al valore della riserva nazionale, i valori unitari sono aumentati fino al valore della riserva nazionale.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Le certificazioni di sostenibilità del processo produttivo che aiutano l’agricoltore a vendere meglio

In un mercato che punta alla qualità, alla sanità e alla salubrità, conta sempre di più dimostrare, carte alla mano,

Agricoltura: proprio quando i prezzi sono bassi, occorre innovare. E smettiamola di spendere sui trattori!

Dice Carlo Panettieri: «Se non aumentano i prezzi, tutte queste mappature non servono a niente». Ribadisce Nicola Riccardi: «Se continuiamo con

Pac, dal 2018 nuovo regolamento per semplificare il greening

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea è stato pubblicato il regolamento 2017/1155 del 15 febbraio 2017, che modifica in maniera sostanziale

3 commenti

Scrivi un commento
  1. Antonio
    Antonio 23 aprile, 2018, 16:06

    Buongiorno, sono un giovane agricoltore in procinto di entrare in una cooperativa agricola nel ruolo di socio lavoratore e membro del cda. Fino ad ora non ho mai beneficiato di premi pac, ne ho fatto richiesta di accesso alla riserva. La coop detiene titoli molto bassi, è possibile adeguarli o ottenerne di nuovi come indicato nel suo articolo?

    Rispondi a questo commento
  2. Antonio
    Antonio 23 aprile, 2018, 16:24

    Buongiorno, vorrei sapere se questa possibilita è valida anche nel caso di una cooperativa agricola con titoli appunto molto bassi, nel caso in cui il giovane agricoltore con le caratteristiche per l’accesso alla riserva entri nel cda, o rivesta il ruolo di legale rappresentante.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*