Dichiarazioni vitivinicole: per il 2016 sarà unica. Presentazione entro il 15 dicembre

Dichiarazioni vitivinicole: per il 2016 sarà unica. Presentazione entro il 15 dicembre

Il decreto ministeriale dell’ottobre 2015 ha stabilito che le dichiarazioni vitivinicole sono due: la prima relativa alle indicazioni delle uve, da presentare entro il 15 novembre, e la seconda relativa alla produzione di vini e mosti, che va presentata entro il 15 dicembre.

Tuttavia, per la campagna 2016/2017 (e solo per questa) tale suddivisione non verrà applicata, e quindi tutte e due le dichiarazioni, cioè i quadri relativi alla raccolta e rivendicazione delle uve e i quadri sulla produzione di vini e mosti, potranno essere compilate entro il 15 dicembre 2016.

Chi è esonerato dalla dichiarazione di vendemmia:

  • Chi produce uva destinata a essere consumata come tale, a essere essiccata e trasformata direttamente in succo da uva da parte del produttore oppure da parte di un’industria.
  • I produttori con meno di 0,1 ettari di vigneto il cui raccolto non sarà immesso in commercio.
  • Chi consegna la totalità della sua produzione a un organismo associativo, anche se deve compilare il quadro F2.

Chi è esonerato dalla dichiarazione di produzione viticola:

  • I produttori che mediante vinificazione nei loro impianti dei prodotti acquistati, ottengono un quantitativo di vino inferiore a 10 hl, che non è stato e non sarà commercializzato sotto qualsiasi forma.
  • I produttori di uve che consegnano la totalità della propria produzione a un organismo associativo soggetto all’obbligo di presentare una dichiarazione, riservandosi di produrre un quantitativo di vino inferiore a 10 hl che non è stato e non sarà commercializzato sotto qualsiasi forma.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
viticoltura

Articoli correlati

Nuova Pac: se si affitta il terreno, a chi vanno i diritti di aiuto?

Il caso, assai frequente, dei titoli Pac sui terreni agricoli in affitto è regolato dall’articolo 21 del Regolamento 639/2014, il

Rifinanziata la “nuova Sabatini” per tutto il 2016: una boccata d’ossigeno per chi vuole investire

Nel momento in cui tutti si sono convinti che senza l’innovazione la produttività in agricoltura non potrà mai migliorare, e

Dopo il 9 giugno, raccolto il loietto si può coltivare tutto mais

Poniamo il caso di un’azienda agricola che ha coltivato tutti i suoi 30 ettari a loietto. Dato che la produzione

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*