Frumento tenero, ecco le varietà consigliate dalle prove di confronto nazionali

Frumento tenero, ecco le varietà consigliate dalle prove di confronto nazionali

La scelta della varietà giusta costituisce le fondamenta del corretto percorso colturale, pertanto da anni sosteniamo che il bravo agricoltore deve destinare anche solo una piccola parte della sua azienda alle prove di varietà che non conosce. Ma quali provare in questa annata 2020/2021? Basta dare un’occhiata ai risultati delle prove di confronto che tutti gli anni vengono realizzate a livello nazionale dal Crea e che costituiscono una buona indicazione di massima, che poi va verificata azienda per azienda e anno per anno.

Secondo i risultati dei prove di confronto 2020, le tre varietà che si sono comportate meglio in tutti e tre gli areali (nord, centro e sud) sono:

  1. Filon, panificabile a ciclo medio (produzione media 6,88 t/ha)
  2. Solindo CS, panificabile (produzione media 6,70 t/ha)
  3. Guercino, panificabile (produzione media 6,69 t/ha)

Seguono fuori dal podio Albagran, GRT Vivendo, Somtuoso, Pinturicchio, RGT Montecarlo e Sy Cicerone.

Per quanto riguarda i singoli areali, ecco i primi tre classificati:

Nord

  1. Filon (7,54 t/ha)
  2. Solindo (7,47 t/ha)
  3. Guercino (7,43 t/ha)

Centro

  1. Filon (7,49 t/ha)
  2. Albagran (7,22 t/ha)
  3. Somtuoso (7,18 t/ha)

Sud

  1. Guercino (4,39 t/ha)
  2. Pinturicchio (4,51 t/ha)
  3. RGT Montecarlo (4,36 t/ha)

Aumenta l’uso del seme certificato

Finalmente qualcosa si muove sul fronte del seme certificato, anche grazie al fatto che aumentano i contratti di filiera che richiedono l’uso di seme certificato. Rebelde, Bologna e Giorgione sono i tre grani che rappresentano oltre un quarto del totale delle sementi certificate in Italia. C’è ancora molta strada da fare, tuttavia un piccolo segnale positivo non manca. Infatti è ormai universalmente riconosciuto come un errore strategico utilizzare seme di riproduzione aziendale: un risparmio all’atto degli acquisti che si traduce sempre in minori rese e minori garanzie di sanità del raccolto.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
frumentograno tenero

Related Articles

Colza, una coltura miglioratrice su cui puntare (facendo attenzione alla semina)

Nei terreni dove c’è scarsità di acqua e dove c’è bisogno di una pianta invernale rustica che aumenti il tenore

Kverneland Academy 2020, seme e concime a dose variabile con DKC 6092 e Nutrigran Top S

Su tre differenti lavorazioni del terreno (tradizionale con aratura ed erpicatura, minima con CTC e a strip-till con Kultistrip, vedi

Cereali: seme aziendale o seme certificato? Le risposte di Assosementi alle critiche degli agricoltori

Il nostro recente articolo “Risparmiare con il seme aziendale? Una scelta errata e che fa male all’ambiente” ha provocato decine

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment