Spandiconcime Kverneland

I nostri giovani puntano sull’agricoltura: oltre 7000 nuove imprese nate nei primi nove mesi del 2016

I nostri giovani puntano sull’agricoltura: oltre 7000 nuove imprese nate nei primi nove mesi del 2016

Nell’agricoltura italiana c’è chi chiude, ma per fortuna c’è anche chi apre una nuova attività ed è un under 40. Le statistiche infatti ci dicono che nel 2016 oltre 50 mila nuove aziende sono state aperte da imprenditori under 40, e di queste, 7.569 riguardano il settore agricolo. Quindi, nonostante i momenti difficili, la campagna attira ancora interesse, e per fortuna..! altrimenti, come abbiamo detto più volte, chi ci darà mangiare?

Ventenni e trentenni scommettono sull’innovazione, sull’agricoltura biologica, sulle produzioni a chilometro zero e sulla rivitalizzazione delle zone rurali (anche le più sperdute) e puntano su un settore che è punteggiato da molte difficoltà ma che sa dare ancora soddisfazioni economiche a chi si mette in gioco e ha spirito di iniziativa.

Non sarà un grande aiuto, ma è da tenere presente che la misura 6 dei Piani di Sviluppo Rurale 2014-2020 delle regioni italiane dedica sostegni specifici ai giovani imprenditori, premiando non solo il ricambio generazionale, ma anche i progetti imprenditoriali innovativi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
giovani agricoltori

Articoli correlati

”Piano Nazionale Glifosate Zero: la decisione di Martina è contro l’agricoltura”

La Commissione ambiente del Parlamento europeo ha votato no al rinnovo dell’uso del glifosate in agricoltura. Ora si deve attendere

Sodo, interramento liquami e PSR: come cambia la redditività della coltura del mais

  Facciamo bene i conti su spese e ricavi Totale costi: 1125 euro/ha La PLV, su una produzione di granella

Grano duro: ecco perché gli agricoltori non vedono di buon occhio i contratti di coltivazione

«Non voglio vincoli», «non è conveniente», «non mi fido», «mai sentito parlare». Queste sono le risposte, in ordine percentuale decrescente,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*