Assegnazione titoli Pac: un agricoltore “storico” che non ha titoli può solo acquistarli da chi li vende

Assegnazione titoli Pac: un agricoltore “storico” che non ha titoli può solo acquistarli da chi li vende

La nuova Pac 2015-2020 ha eliminato tutti i vecchi titoli. I nuovi titoli sono stati assegnati al soggetto che era in possesso dei terreni al 15 maggio 2015, sulla base della domanda Pac presentata al 15 giugno 2015. Quindi Agea ha assegnato i nuovi titoli, validi sino al 2020, al conduttore del terreno e lo ha fatto solo nel 2015, perché per tutti gli anni successivi i nuovi titoli vengono assegnati o ai nuovi agricoltori o ai giovani agricoltori che possono fare domanda alla riserva nazionale.

Se il proprietario di un terreno non ha avuto l’assegnazione dei nuovi titoli perché nel 2015 il suo terreno era affittato, se è un agricoltore storico non può ricevere in alcun modo da Agea i nuovi titoli. Può solo acquistarne da coloro che ne hanno in eccesso e che intendono cederli. Altrimenti deve attendere cosa succederà con la prossima Pac post 2020.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pac

Articoli correlati

Pac, applicazione e verifica agricoltori attivi: un rompicapo che ostacola i pagamenti

«La verifica di “agricoltore attivo”, requisito necessario per ottenere i contributi della Pac, si sta rivelando molto complessa con molte

Pac: se si affittano i titoli senza la terra, il valore cala del 30%

Ci sono casi in cui l’agricoltore ha in animo nel giro di qualche anno di aumentare la superficie aziendale, e

Mais ogm: la Corte di giustizia UE riabilita le semine clandestine

L’agricoltore Giorgio Fidenato e un gruppo di suoi colleghi friulani avevano sfidato i divieti italiani, coltivando nel 2014 il mais

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*