Campagna finanziaria Kverneland

Assegnazione titoli Pac: un agricoltore “storico” che non ha titoli può solo acquistarli da chi li vende

Assegnazione titoli Pac: un agricoltore “storico” che non ha titoli può solo acquistarli da chi li vende

La nuova Pac 2015-2020 ha eliminato tutti i vecchi titoli. I nuovi titoli sono stati assegnati al soggetto che era in possesso dei terreni al 15 maggio 2015, sulla base della domanda Pac presentata al 15 giugno 2015. Quindi Agea ha assegnato i nuovi titoli, validi sino al 2020, al conduttore del terreno e lo ha fatto solo nel 2015, perché per tutti gli anni successivi i nuovi titoli vengono assegnati o ai nuovi agricoltori o ai giovani agricoltori che possono fare domanda alla riserva nazionale.

Se il proprietario di un terreno non ha avuto l’assegnazione dei nuovi titoli perché nel 2015 il suo terreno era affittato, se è un agricoltore storico non può ricevere in alcun modo da Agea i nuovi titoli. Può solo acquistarne da coloro che ne hanno in eccesso e che intendono cederli. Altrimenti deve attendere cosa succederà con la prossima Pac post 2020.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pac

Articoli correlati

Agricoltura, greening: l’UE modifica alcune norme

La bozza di modifica del greening che la Commissione europea si appresta a varare permette di dare alcune anticipazioni sui

I titoli Pac rimangono validi se l’azienda viene ceduta a un giovane?

Con la nuova Pac ogni agricoltore ha ricevuto o sta ricevendo l’assegnazione dei nuovi titoli, che per il momento si

Come irrigare il mais per ottenere reddito e qualità: quattro sistemi a confronto

È lo stress idrico il nemico numero uno del mais. E gli effetti possono essere devastanti per il portafogli dell’agricoltore.

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*