In dieci anni -38% nelle vendite di trattori in Italia. Che sia un segno di maturità?

In dieci anni -38% nelle vendite di trattori in Italia. Che sia un segno di maturità?

I dati ufficiali indicano che nel lontano 2006 sono stati 30 mila i trattori immatricolati nel nostro paese, mentre a distanza i dieci anni il 2016 si dovrebbe chiudere con un dato al di sotto delle 18 mila unità. Dunque un calo vistoso delle vendite, pari al -38%. Le cause? La diminuzione dei redditi degli agricoltori, la chiusura di molte aziende, la crisi dei prezzi di cereali e del latte, ma forse c’entra anche un “fattore” che quasi mai viene tenuto in considerazione, e cioè la consapevolezza crescente, da parte degli imprenditori agricoli, che per troppi decenni si sono buttati al vento montagne di lire prima, e di euro poi, per acquistare in maniera compulsiva trattori la cui vita tecnologica sarebbe stata molto più lunga se non fosse stata interrotta dalla bramosia di sfoggiare orgogliosi agli occhi dei colleghi invidiosi “l’ultimo modello”.

La gara tra vicini di campo tra chi ha il trattore con più cavalli, più tecnologia e colori più brillanti, ha finito per distrarre montagne di risparmi da investimenti ben più utili e mirati, quali sarebbero stati quelli in attrezzature come spandiconcime e barre irroratrici, tanto per fare due esempi. Tant’è che oggi l’Italia vanta il triste primato di avere proprio nelle due categorie di attrezzature sopra indicate appena il 16% di macchine con meno di dieci anni. Quindi la maggior parte delle macchine che gestiscono in campo la “chimica” sono obsolete e mal funzionanti. Questo significa, per esempio, oltre agli sprechi di prodotto e alle imprecisioni nel raggiungimento del bersaglio, anche non poter applicare i nuovi sistemi dell’agricoltura di precisione, dal momento che si tratta di attrezzature non Isobus compatibili.

Stando così le cose, c’è dunque da augurarsi che “le vacche magre” nel comparto delle vendite dei trattori duri ancora a lungo e che sia davvero un segno di maturità del nostro imprenditore agricolo, che finalmente si è reso conto che ciò che veramente può incidere positivamente sui conti aziendali, a livello di costi di produzione e di produttività delle colture, oltre che di impatto ambientale, sono le attrezzature e non il trattore.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
trattori

Articoli correlati

L’affitto dei terreni agricoli continua ad aumentare, ma i prezzi medi sono sotto ai 20mila euro/ettaro

Le superfici agricole in affitto continuano ad aumentare al ritmo del 7-8% l’anno e hanno ormai raggiunto i 5,2 milioni

Pac: erba medica, trifoglio e tutte le leguminose foraggere possono entrare nel 5% di EFA

Al fine del rispetto delle “Aree di interesse ecologico” (EFA) previsto dalla Pac, le leguminose foraggere come erba medica e

Domanda Pac e agricoltori attivi, cambiano i requisiti per il 2018. Scadenza 15 giugno

Sino alla fine del 2017, l’agricoltore che riceve la Pac doveva dimostrare di essere “agricoltore attivo” attraverso sei fattispecie. Da quest’anno,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*