Offerta Botte Kverneland

Mais, 8 millimetri di acqua al giorno con pivot e ala interrata garantiscono un’ottima produttività

Mais, 8 millimetri di acqua al giorno con pivot e ala interrata garantiscono un’ottima produttività

«Irrigare a scorrimento significava far passare tra una bagnatura e l’altra anche 25 giorni, che sono davvero troppi per il mais, soprattutto in annate molto siccitose. Così abbiamo deciso di cambiare tutto e su 105 ettari dedicati al mais ora ci sono tre pivot che coprono l’85% della superficie e un impianto di subirrigazione sul restante 15%, rappresentato da aree marginali di forma irregolare. Quest’anno nel periodo estivo abbiamo fornito al mais ogni giorno 6-8 mm di acqua e per la coltura è stato un apporto ideale». Così parla Giulio Carrara, direttore dell’azienda La Pianura di Ghisalba (Bergamo) che, stanco di non avere più i volumi di acqua necessari, ha deciso di investire su due nuovi sistemi di distribuzione.

p1040635

Il sistema di irrigazione a scorrimento, ancora molto in uso in Pianura Padana, oltre a rappresentare un “non senso agronomico”, non permette di soddisfare le richieste fisiologiche del mais.

L’acqua è il fattore chiave per produrre mais sano

«Distribuire l’acqua in modo tale che il mais non soffra è il fattore chiave della produttività», prosegue Carrara. «Se il mais entra in uno stato di stress, fenomeno che capita se si continua a usare lo scorrimento, le rese di granella e di trinciato diminuiscono in maniera molto significativa e peggiora anche la qualità del prodotto raccolto».

Posa della subirrigazione con manichette interrate.

Posa della subirrigazione con manichette interrate.

La subirrigazione si combina con la minima lavorazione

La subirrigazione si effettua all’azienda La Pianura tramite manichette con gocciolatori autocompensanti, antiradice e antisifone posati a 40 cm di profondità dai tecnici di Acquafert Agri. Inoltre, pivot e ali interrate si abbinano perfettamente alla tecnica di minima lavorazione applicata già da alcuni dall’azienda al posto delle tradizionali arature. «Il mais irrigato con questi sistemi – conferma Alberto Puggioni di Netafim – oltre a produrre di più rispetto al mais irrigato con lo scorrimento, presenta una minore presenza di micotossine».

L’efficienza irrigua garantita da pivot e subirrigazione trova la sua massima espressione con l’applicazione del software di gestione ideato da Dekalb chiamato Aquatek (vedi articolo) che permette di tenere sempre sotto controllo lo stato fisiologico del mais e quindi individuare eventuali momenti in cui può servire maggiore apporto di acqua.

La subirrigazione trova una combinazione perfetta con la tecnica di minima lavorazione del terreno.

La subirrigazione trova una combinazione perfetta con la tecnica di minima lavorazione del terreno.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
AquatekDekalbGiulio CarraramaisNetafimsubirrigazione

Articoli correlati

Cari agricoltori, fate come Piergiovanni: fa squadra, è curioso e usa la tecnologia

Uscire dal proprio confine aziendale, mettere da parte l’autoreferenzialità e il motto “Abbiamo sempre fatto così”, dimenticare la pretesa che

Limiti e vantaggi dell’ala gocciolante per distribuire acqua e fertilizzanti al mais

Da qualche anno si sta diffondendo in Pianura Padana l’applicazione delle ali gocciolanti per la fertirrigazione del mais, con risultati

Il cartamo con contratto di coltivazione: un’idea vincente non solo per la Toscana

I progetti di filiera cominciano a fare breccia tra gli agricoltori alla ricerca di una diversificazione colturale che permetta di

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*