Spandiconcime Kverneland

Insilati diversi dal mais: fieno e cereali vernini

Insilati diversi dal mais: fieno e cereali vernini

Sorgo, loietto, erba medica, triticale, grano e orzo sono sempre più protagonisti dell’insilamento, che non è solo di mais. Ma per ottenere prodotti di qualità occorre molta attenzione prima nel taglio e poi nella preparazione della trincea.

Per il mais il taglio ideale da insilato è attorno ad una lunghezza di 1,4-1,6 cm, mentre per loietto, medica e cereali vernini è bene aumentare a 3-4 cm di lunghezza, perché l’apporto di questi prodotti ha un significato anche strutturale nella razione alimentare, e quindi occorre una lunghezza adeguata alla fibra.

Per quanto riguarda la raccolta, mentre silomais, loiessa e cereali vernini hanno già in partenza un contenuto zuccherino sufficiente per un buon insilamento e perfermentazioni veloci e corrette, la medica deve essere portata a un contenuto di sostanza secca pari al 35% per poter concentrare i pochi zuccheri disponibili. E questo si ottiene con l’appassimento in campo.

Gli inoculi da apportare in trincea hanno una loro validità soprattutto quando le condizioni atmosferiche e del foraggio non sono ottimali.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
insilati

Articoli correlati

Trinciato di mais: le regole d’oro per un insilamento che garantisca un prodotto di alta qualità

Come e quanto insilare? La domanda non è nuova tra gli agricoltori, ma basta conoscere poche e semplici regole per

Insilati in trincea: come scegliere l’inoculo ideale

Il riempimento del silo con diverse tipologie di foraggi va eseguito con molta attenzione, ma non c’è dubbio che, per orientare

Quando funzionano i sistemi di assistenza tecnica regionale, le stalle chiudono meno

Dal 1998 al 2014 in Italia il numero di stalle di bovini da latte è sceso da 89.836 a 34.231,

2 commenti

Scrivi un commento
  1. luca
    luca 8 gennaio, 2015, 20:54

    Dottor Bartolini, cosa ne pensa circa l’insilamento della soia da somministrare alla vacche in lattazione in sostituzione dell’erba medica? So che in un’azienda del bergamasco è stata coltivata, non ho notizie di altre esperienze anche se in America mi sembra abbia un largo uso. Cordiali saluti

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 13 gennaio, 2015, 06:49

      L’azienda del bergamasco alla quale fa riferimento è quella del compianto dott. Venier, che si è sempre distinto come un agricoltore-allevatore aperto a innumerevoli sperimentazioni e innovazioni.
      L’università di Torino, con il Forage Team del quale fanno parte Ernesto Tabacco e Giorgio Borreani, sta conducendo prove di insilamento di alcune varietà di soia con un basso contenuto di fattori antinutrizionali seminate a giugno dopo l’insilamento del frumento. Per il momento non ho ancora letto i risultati, tuttavia penso che li possa contattare per saperne di più.
      Per rimanere in argomento diversificazione, risultati già molto incoraggianti li ha forniti il pisello proteico a utilizzazione foraggera, che in Pianura Padana raggiunge produzioni di trinciato a ettaro superiori a 8-9 tonn di sostanza secca, viene raccolto per insilamento a fine maggio e può essere seguito in rotazione stretta da mais o sorgo da trinciato o mais da granella a ciclo breve.
      Va raccolto come pianta intera in stadi avanzati del ciclo (a inizio ingiallimento delle foglie) per portare a casa un alto contenuto di sostanza secca. Il foraggio è ad alta digeribilità con 18-20% su s.s., di proteine, e altrettanto di amido e basso NDF. Le proteine fornite dal pisello insilato sono pari a 1300 kg/ha comprabile quindi con una soia in primo raccolto.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*