Kverneland @ Eima 2018

Intenzioni di semina degli agricoltori italiani nel 2017: stabile il mais, crescono grano e soia

Intenzioni di semina degli agricoltori italiani nel 2017: stabile il mais, crescono grano e soia

Sono state divulgate le indagini ufficiali Istat sulle intenzioni di semina degli agricoltori italiani per il 2017. Secondo le statistiche, i cereali perderebbero nel 2016/2017 oltre il 2% di superficie rispetto alla passata stagione, soprattutto per colpa della diminuzione di investimenti sul grano duro, che segna un -7,3% rispetto allo scorso anno in tutte le zone della penisola. Evidentemente la delusione per i bassi prezzi del 2016 ha lasciato strascichi pesanti, accrescendo la disaffezione verso questo prodotto.

Il frumento tenero invece recupera terreno con un +3,7% e anche l’orzo aumenta la sua diffusione con un +4%. I maggiori incrementi di superficie per il tenero si registrano nel nord-ovest e nel centro Italia.

Il triticale si conferma coltura di successo, soprattutto per il biogas, tanto che si stima un aumento di superficie di oltre il 5%. Le previsioni sulle prossime semine del mais indicano invece una superficie stabile o addirittura in leggero aumento (+1%).

Dato sorprendente, ma poi non tanto, è quello relativo alla soia, che secondo i sondaggi Istat potrebbe aumentare la sua superficie di oltre il 10%. Infine, il girasole è dato in crescita del 5% e il riso sostanzialmente stabile.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Istat

Articoli correlati

Risparmio energetico e ristrutturazioni in edifici rurali: i benefici fiscali scadono il 31 dicembre 2015

La legge di stabilità ha prorogato solo fino al 31 dicembre 2015 i benefici fiscali sinora previsti per gli interventi

Pac: erba medica, trifoglio e tutte le leguminose foraggere possono entrare nel 5% di EFA

Al fine del rispetto delle “Aree di interesse ecologico” (EFA) previsto dalla Pac, le leguminose foraggere come erba medica e

Pac, dal 2018 nuovo regolamento per semplificare il greening

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea è stato pubblicato il regolamento 2017/1155 del 15 febbraio 2017, che modifica in maniera sostanziale

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*