Le cover crops sono strategiche anche per tenere a bada le infestanti

Le cover crops sono strategiche anche per tenere a bada le infestanti

Gli agricoltori che utilizzano le cover crops sui terreni liberi che verranno seminati a primavera affermano che dopo alcuni anni si notano anche effetti di contenimento sulle infestanti. Tant’è che molti di loro hanno ridotto gli interventi di diserbo chimico oppure le dosi per ettaro.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Terra e Vita conferma che, per esempio, Sinapis alba, Raphanus sativus cv nigra e Vicia sativa, sia in purezza sia in miscuglio, nelle prove di pieno campo hanno soppresso graminacee e dicotiledoni fino al 66%. Questa attività di controllo è determinata dalla capacità di questa piante di svolgere un’azione allelopatica, cioè di emettere sostanze che interferiscono sulla germinazione delle infestanti.

Anche altre specie come Sorghum, Crotalaria Juncea e Brassica Juncea sono note per la produzione di sostanze allelopatiche che riducono fortemente la presenza delle infestanti, sia dicotiledoni che monocotiledoni.

Si tratta di meccanismi molto complessi che coinvolgono più fattori del sistema suolo-pianta, quindi sarebbe auspicabile che il mondo della ricerca agronomica italiana concentrasse gli sforzi per attivare prove di pieno campo in diversi ambienti e terreni, al fine di fornire risposte chiare e indicazioni concrete. Sarebbe un’attività molto importante, dal momento che l’Unione europea ha stabilito che al massimo entro dieci anni l’uso degli agrofarmaci, diserbanti compresi, va ridotto del 50% rispetto all’uso attuale, quindi è ovvio che anche le cover crops potrebbero giocare un ruolo decisivo. Ribadendo però ancora una volta che quell’obiettivo dell’Unione europea è anacronistico se non si dà il via libera a nuove varietà e ibridi resistenti, ottenuti con le nuove tecniche di genome editing (NBT) che nulla hanno a che fare con i sorpassati ogm.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
cover crops

Related Articles

Le alternative all’aratura: minima lavorazione e semina su sodo

L’eliminazione dell’aratura comporta i seguenti vantaggi: Aumento della porosità canalicolare grazie all’attività dei microrganismi e delle radici, anche delle cover

Terreni più fertili, strutturati e sani grazie alle colture di copertura: la nuova linea Viterra

Azione antierosiva sul suolo, contrasto alla lisciviazione degli elementi nutritivi, riduzione delle malerbe, apporto di sostanza organica e nutrienti. Una

Semine frumento tenero: ecco le varietà su cui puntare nel 2017/2018

Sono 44 anni che si realizzano nei diversi areali italiani le prove ufficiali di confronto varietale da parte del Crea,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment