Nuova Pac 2022, nessun rischio per chi affitta i terreni

Nuova Pac 2022, nessun rischio per chi affitta i terreni

Ormai tutto lascia prevedere che la nuova Pac non partirà prima del 2022. Allora come ci si deve comportare con gli affitti? Angelo Frascarelli, agronomo e docente dell’Università di Perugia, rassicura gli agricoltori: «Sia che l’Italia decida un nuovo regime di aiuti senza titoli con un pagamento a forfait, sia che decida di mantenere i titoli per i contratti di affitto, non si corre alcuni rischio».

Frascarelli, qual è il motivo che ci fa dormire sonni tranquilli?

«Il motivo è che non ci sarà la riassegnazione dei titoli, ma solo il ricalcolo che verrà effettuato nel 2022, con l’adeguamento dei titoli al valore dell’anno 2021 e con l’aggiunta del pagamento greening che nel 2022 verrà soppresso. Ogni titolo già esistente e identificato con un numero manterrà la stessa titolarietà».

Facciamo un esempio per estrema chiarezza?

«Il proprietario A ha affittato terra e titoli all’affittuario B per tre anni dal 2020 al 2022. Nel 2022 i titoli vengono ricalcolati e si mantengono in capo al proprietario A. Dunque l’affittuario B beneficia dei pagamenti diretti sulla base del nuovo valore calcolato. Nel 2023 al termine del contratto di affitto la terra e i titoli ricalcolati ritornano al proprietario A. Quindi, via libera senza problemi a chi vuole affittare la terra e i titoli. Cioè non si corre nessun rischio di perdere i titoli Pac».

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pacpac 2022

Articoli correlati

Pac 2018: aumentano le sanzioni per il mancato rispetto del greening

All’inizio, nel 2015/2016, chi non rispettava le regole del greening perdeva solo la quota relativa a questo pagamento. Nel 2017, oltre

Pac: approvati tutti i PSR italiani. Ecco i bandi già attivi.

Il 26 maggio 2015 venivano approvati i primi cinque PSR delle regioni Emilia-Romagna, Toscana, Veneto, Umbria e regione autonoma di Bolzano

Pac post 2020: i pagamenti diretti non si toccano, ma arrivano nuovi sistemi di calcolo

Una cosa è certa: la Commissione europea ha affermato che i pagamenti diretti rimarranno al centro della prossima Pac 2021-2027,

3 commenti

Scrivi un commento
  1. Salvatore Ferrara
    Salvatore Ferrara 15 Ottobre, 2019, 14:41

    volevo sapere se chi possiede titoli molto inferiori alla media nazionale avra’ un ricalcolo o restera’ questa divisione fra’ agricoltori che percepiscono di piu’ e chi di meno?

    Rispondi a questo commento
  2. Emanuele
    Emanuele 17 Ottobre, 2019, 12:34

    Scusate. Il Dott. Frascarelli si sarà sicuramente espresso sulla base di un documento pubblicato a livello europeo.
    E’ possibile averne il riferimento?
    Senza risulta impossibile rassicurare un proprietario che affitta.
    grazie in anticipo

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 24 Ottobre, 2019, 17:52

      L’affermazione è scritta nella proposta di nuova Pac della Commissione Ue del 1° giugno 2019, articolo 20 del titolo III capo II a pagina 52.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*