Alai: ”Col sodo, redditività aumentata di 350 euro/ettaro già il primo anno”

Alai: ”Col sodo, redditività aumentata di 350 euro/ettaro già il primo anno”

Con Giuseppe Alai del Podere Cà dè Suore a Guastalla (Reggio Emilia) ci eravamo lasciati a maggio quando erba medica, frumento e mais, tutti rigorosamente seminati su sodo, avevano già un’ottima cera (vedi articolo). Sono passati tanti mesi e sono successi anche tanti eventi meteo estremi e quindi ora facciamo il punto sui risultati produttivi.

«È il primo anno di passaggio dall’aratura al sodo e come dicono i sacri testi agronomici, ero pronto a subire qualche decurtazione nelle rese. D’altra parte proprio per questo i PSR sostengono gli agricoltori!», esordisce Alai. «Eppure nel mio caso devo ammettere con grande entusiasmo che le rese non sono affatto diminuite e sono state perfettamente in linea con le medie degli altri anni: la medica ha superato i 130 quintali all’ettaro, pur essendo un medicaio di solo un anno seminato su sodo, e il frumento da seme Giorgione ha prodotto 71 quintali/ettaro con una buona qualità. Infine, il mais Pioneer (1916, 1535 e 0937) ha prodotto 124 quintali/ettaro di granella secca».

Una bella spiga di mais Pioneer seminato su sodo dell’azienda Alai

Fatti i conti di spese e ricavi, qual è la conclusione?

«Sicuramente ho risparmiato sui costi delle lavorazioni del terreno e questo corrisponde già a un bel gruzzolo di euro, inoltre ho incassato 280 euro/ha dalla misura M 10 del PSR regionale. Anche se ho speso di più nelle operazioni di semina e di diserbo, avendo effettuato un post-emergenza nel mais, facendo tutti i conti il vantaggio economico rispetto allo scorso anno supera i 350 euro/ha, quindi già al primo anno confermo che la scommessa sul sodo è vinta».

La seminatrice Kverneland OPTIMA HD e-drive che ha seminato il mais su sodo

E per la nuova stagione?

«Ho già seminato il trifoglio incarnato come cover crops invernale sulle stoppie di grano e su questa superficie a marzo seminerò mais su sodo. Sul terreno dove ho trebbiato il mais ho distribuito un po’ di urea sugli stocchi e seminerò prossimamente frumento su sodo».

Alai ha messo l’aratro in soffitta, ha creduto nell’innovazione, ha lavorato con grande impegno e precisione sotto il profilo agronomico ed ecco che già al primo anno ha portato a casa dei vantaggi economici, senza considerare quelli più a lunga scadenza, come il progressivo aumento della fertilità e della capacità produttiva dei suoi terreni. Amici agricoltori, non ci resta che consigliarvi di copiare Alai, senza invidie e tentennamenti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Giuseppe Alaisemina su sodo

Articoli correlati

Il pronostico del contoterzista: “Fra due anni l’agricoltura di precisione sarà chiesta sempre di più”

«Dalla campagna scorsa abbiamo iniziato a fare le mappe di raccolta per alcuni nostri clienti e ci siamo dotati di

Come preparare un perfetto letto di semina in pochi minuti (anche con le infestanti)

Quest’anno l’andamento climatico bizzarro, con l’alternanza ravvicinata tra sole e pioggia molto intensa, sta creando problemi alla programmazione dei lavori

Azienda Furlani: lo strip-till nelle argille della Valdichiana su residui di mais

Dopo l’esordio nel Mugello alla Fattoria di Corte dei Marchesi de Frescobaldi per la semina di mais di secondo raccolto

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*