Nuova Pac: ora è più facile accedere agli aiuti accoppiati per la zootecnia

Nuova Pac: ora è più facile accedere agli aiuti accoppiati per la zootecnia

Con il decreto del Mipaaf n. 5145 del 24 settembre 2015 si stabiliscono le condizioni di ammissibilità degli aiuti accoppiati per i capi bovini, tra le quali c’è quella che prevede che l’ammissibilità si ottiene anche qualora l’animale venga registrato e identificato nella Banca Dati Nazionale entro il 31 dicembre dell’anno di presentazione della domanda di aiuto.

Così facendo sarà più facile per gli allevatori rimediare ai casi di mancata applicazione delle regole in materia di anagrafe zootecnica e rendere così eleggibili agli aiuti i capi di bestiame che altrimenti in base a norme europee alquanto restrittive sarebbero rimasti esclusi.

Per quanto riguarda la macellazione dei bovini è previsto un periodo minimo di detenzione di 6 mesi che decorre dal giorno di arrivo del capo in azienda, altrimenti decorre dal giorno di avvenuta regolarizzazione della registrazione alla Banca Dati Nazionale.

Per le vacche nutrici la data di regolarizzazione di registrazione è fissata al 31 dicembre di ogni anno. Le movimentazioni successive possono essere regolarizzate entro il 31 dicembre dell’anno di domanda, fermo restando che per poter accedere al premio il vitello deve essere identificato e registrato nei termini previsti e tale adempimento richiede la corretta registrazione della movimentazione della madre.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
pac 2015

Related Articles

Dopo il 9 giugno, raccolto il loietto si può coltivare tutto mais

Poniamo il caso di un’azienda agricola che ha coltivato tutti i suoi 30 ettari a loietto. Dato che la produzione

Agrivoltaico, il connubio vincente tra buon cibo ed energia pulita

Francesco Starace (ceo di Enel): «Nel prossimo decennio il sistema energetico mondiale sarà “elettrificato”. L’energia elettrica entrerà come fonte primaria

Boom del biologico: in 9 anni crescita senza sosta a doppia cifra e forti incentivi dai PSR

I consumatori ci credono e gli agricoltori rispondono. Il mercato totale del biologico vale 4.310 milioni di euro, con una crescita

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment