Campagna finanziaria Kverneland

Nuovi vigneti 2018, autorizzazioni per 6.685 ettari. Domande entro il 31 marzo

Nuovi vigneti 2018, autorizzazioni per 6.685 ettari. Domande entro il 31 marzo

Il Ministero delle politiche agricole, con il decreto n. 6493 del novembre scorso, ha stabilito le procedure per l’autorizzazione a nuovi impianti di vigneto per complessivi 6.685 ettari nell’anno 2018. Le richieste di autorizzazione dovranno essere fatte dal 15 febbraio al 31 marzo 2018 attraverso la modalità telematica nell’ambito del SIAN.

L’agricoltore deve fare domanda sulla base dei dati presenti nel proprio fascicolo aziendale aggiornato e validato, indicando, con un’unica domanda, una o più regioni su cui intende richiedere le autorizzazione per impiantare nuovi vigneti. Le richieste sono ammissibili solo se dal fascicolo aziendale risulta in conduzione una superficie agricola pari o superiore a quella per la quale si chiede la autorizzazione all’impianto.

Le nuove autorizzazioni riguardano anche le aree che producono vino destinato alle bevande spiritose con una delle indicazioni geografiche indicate nell’allegato III del regolamento 110/2008. Inoltre è stata introdotta la possibilità di escludere i richiedenti che hanno vigneti in assenza di autorizzazioni o diritti di impianto.

In caso di richieste annuali superiori alle disponibilità, lo Stato può introdurre una soglia minima e massima in termini di superfici di nuove attribuzioni che il singolo agricoltore richiedente può ricevere.

Oltre ai 6.685 ettari a disposizione per nuovi impianti, gli agricoltori possono contare su una “riserva” rappresentata dalle superfici oggetto di rinuncia. Ci sono poi altre tre opzioni per disporre di una autorizzazione all’impianto:

  • Conversione di diritti di impianto in autorizzazione.
  • Rilascio di autorizzazioni per reimpianto a seguito di estirpo.
  • Rilascio di autorizzazioni per reimpianto anticipato.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
vigneti

Articoli correlati

Senza gli agricoltori il mondo si ferma. Ma per loro, solo pochi titoli di coda

Il recente fatto di cronaca del mancato pagamento dell’acconto Pac 2015 per moltissimi agricoltori (vedi articolo di ieri) non ha

La rivoluzione digitale deve arrivare in campagna, o addio alla redditività

Abbiamo l’impressione che per la maggior parte degli agricoltori non sia importante guadagnare. Leggendo questa considerazione sobbalzerete sulla sedia, ma vi

Vigneti Italia: la richiesta per i nuovi impianti supera di dieci volte la disponibilità nazionale

Le nuova legislazione per ottenere l’autorizzazione ai nuovi impianti di vigneto (vedi notizia) non ha scoraggiato i viticoltori italiani che,

1 commento

Scrivi un commento
  1. Michael 1963
    Michael 1963 26 maggio, 2018, 16:27

    Mi piacerebbe impiantare un vigneto di Tintilia in Molise, per produrre e poi imbottigliare il vino. Ho tre ettari di terreno e credo che potrei arrivare ad imbottigliare circa 18.000 – 20.000 bottiglie di Tintilia. L’ avventura in questo campo mi entusiasma.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*