Campagna finanziaria Young 140

Pac, certificato antimafia prorogato al 31 dicembre per le aziende con aiuti fino a 25mila euro

Pac, certificato antimafia prorogato al 31 dicembre per le aziende con aiuti fino a 25mila euro

Nel decreto “Sicurezza” approvato nei giorni scorsi in Senato è stata introdotta la proroga al 31 dicembre 2019 dell’esonero dalla presentazione del certificato antimafia per le aziende agricole che detengono titoli Pac fino 25.000 euro. Dunque è stato elevato il precedente limite di 5.000 euro, con un sospiro di sollievo per tanti coltivatori.

In questo modo viene rimosso un fardello burocratico che riguarda circa 135.000 aziende agricole di piccole dimensioni, e che avrebbe messo in difficoltà tutta la macchina statale dei controlli e ritardato le erogazioni della Pac.

Intanto Agea ha comunicato di avere avviato i pagamenti degli anticipi Pac 2018 per 500.000 aziende agricole per oltre 900 milioni di euro. Entro novembre il pagamento dell’anticipo Pac dovrebbe raggiungere anche le aziende per le quali sono necessari approfondimenti istruttori.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
anticipo pacpac 2018pagamenti pac

Articoli correlati

Pac e organismi pagatori: ancora nuovi casi di malaburocrazia a danno degli agricoltori

«Stiamo lavorando e tutti i pagamenti della Pac avverranno in tempi rapidissimi». Sono le dichiarazioni distensive rilasciate di recente alla

Diciamo la verità: l’agricoltura arranca e serve un rinnovamento dalle fondamenta. Chi fa la prima mossa?

L’agricoltore, si sa, sopporta male le critiche e tanto meno i rimproveri, ma come si dice… “Quando ci vuole, ci vuole”.

È nata AOP Latte Italia, che concentra il 10% di tutto il latte italiano

Cinque organizzazioni di produttori lattiero caseari – Agrilatte, Latte Indenne, Santangiolina, Agripiacenza Latte e Piemonte Latte – si sono messe insieme e

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*