Spandiconcime Kverneland

Pac, ecco gli importi definitivi dei pagamenti accoppiati 2017

Pac, ecco gli importi definitivi dei pagamenti accoppiati 2017

La circolare Agea n. 48080 del 5 giugno 2018 comunica i valori definitivi dei pagamenti accoppiati della Pac 2017. La stessa circolare afferma inoltre che gli importi saranno erogati agli agricoltori entro il 30 giugno 2018. Prendiamo per buona questa intenzione, poi vedremo se le cose andranno veramente così.

Frumento duro

Il premio alla coltivazione del frumento duro è riservato alle seguenti regioni: Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Il pagamento 2017 è pari a 80,70 euro/ha, cioè di 20 euro superiore a quello del 2016, poiché le superfici a grano duro sono state inferiori e il plafond è aumentato.

Soia

I coltivatori di soia di Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna possono contare su un premio accoppiato di 56,96 euro/ha. Il premio viene concesso entro i seguenti limiti:

  • L’intera superficie per i primi 5 ettari.
  • Per la superficie eccedente, il 10% della superficie.

Esempio: se un’azienda ha una superficie a soia di 10 ettari, la superficie massima a premio è pari a 5,5 ettari. Se un’azienda ha una superficie a soia di 20 ettari, la superficie massima ammissibile a premio è pari a 6,5 ettari.

Colture proteaginose

L’aiuto è percepibile nelle regioni Toscana, Umbria, Marche e Lazio. Le colture ammissibili sono girasole, colza, leguminose da granella (pisello, fava, favino, favetta, lupino, fagiolo, cece, lenticchia veccia ed erbai annuali di sole leguminose). Il premio erogato e pari a 48,44 euro/ha.

Leguminose da granella

L’aiuto è percepibile nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Il premio erogato è pari a 22,88 euro/ha.

Barbabietola da zucchero

Il premio erogato è pari a 443,76 euro/ha. Un importo elevato che potrebbe aiutare a mantenere le modeste superfici a bietola del nostro paese.

Riso

Il premio erogato è pari a 96,71 euro/ha, quasi identico al 2016.

Pomodoro da industria

Il premio erogato è pari a 173,74 euro/ha.

Olivo

Gli oliveti di Puglia, Calabria e Liguria ricevono un premio base pari a 112,13 euro/ha. Gli oliveti di Puglia e Calabria ricevono un premio supplementare per gli oliveti con pendenza superiore al 7,5% di 152,12 euro/ha che si somma al premio di base.

Il premio per l’olivicoltura di rilevanza economica, territoriale e ambientale si applica all’intero territorio nazionale ed è riservata agi oliveti che aderiscono a sistemi di qualità DOP e IGP. Il premio erogato è pari a 155,67 euro/ha.

Latte bovino e bufalino

Il premio erogato alla vacche da latte di allevamenti di qualità è pari a 79,67 euro/capo, con l’aggiunta di 60,99 euro/capo per le aree montane.

Per le bufale il premio erogato è pari a 45,97 euro/capo.

Vacche nutrici

Per le vacche nutrici iscritte ai libri genealogici o ai registri anagrafici, il premio erogato è pari a 111,17 euro/capo.

Per le vacche nutrici inserite nei piani selettivi e di gestione di razza, il premio erogato è pari a 22,17 euro/capo.

Per le vacche nutrici non iscritte, il premio erogato è pari a 89,39 euro/capo.

Bovini macellati

Il premio è riservato ai bovini da carne la cui età è compresa tra 12 e 24 mesi al momento della macellazione e che abbiano subito un periodo di permanenza presso l’allevamento del richiedente di almeno sei mesi. Il premio erogato è pari a 36,72 euro/capo.

Un importo superiore, cioè di 67,52 euro/capo, è erogato a chi ha i seguenti requisiti:

  • Capi allevati per almeno 12 mesi nell’allevamento del richiedente.
  • Capi aderenti al sistema di qualità.
  • Capi rientranti nell’ambito di un sistema di etichettatura.
  • Capi certificati come DOP e IGP.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
pagamenti pac

Articoli correlati

Il Ministero dell’agricoltura promette il saldo Pac 2015 entro il mese di giugno

Sarà che le proteste si sono levate più forti del consueto, sta di fatto che il Mipaaf, in accordo con

Il mais ogm non è pericoloso per la salute: è il verdetto di 21 anni di ricerche

Ci volevano tutta la pazienza e la professionalità di un pool di ricercatori della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di

Vigneti, cambiano le regole per i nuovi impianti. Scadenza domande il 31 marzo

Il decreto ministeriale n. 527 del 30 gennaio 2017 ha introdotto alcune importanti modifiche al sistema di richiesta per i nuovi

3 commenti

Scrivi un commento
  1. Luciano
    Luciano 25 giugno, 2018, 11:37

    Salve vorrei sapere come poter prendere i titoli per gli ulivi e per gli animali che ciò ..

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 28 giugno, 2018, 20:55

      Salve Luciano, deve rivolgersi all’ufficio di una organizzazione professionale oppure a un Caa (Centro assistenza agricola) della sua zona. Grazie per averci contattato.

      Rispondi a questo commento
  2. Palombi Guido
    Palombi Guido 29 giugno, 2018, 15:06

    Puo un Caa x fare cessare un contratto di comodato tra 2 fratelli..togliere la Particella dal fascicolo aziendale creando un documento falso.e una nota di correzione.che dichiara che ha sbagliato.inserirla part.lla.nella domanda anno precedente.e protocollando entrambi.e l.agea a fatto il recupero della somma.senz3a il consenso di taluno .

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*