Advertisement

Pagamento aggiuntivo PAC: quanto spetta a un giovane agricoltore?

Pagamento aggiuntivo PAC: quanto spetta a un giovane agricoltore?

I giovani agricoltori (con meno di 40 anni che si insediano per la prima volta come capoazienda o che si sono insediati dopo il 15 maggio 2010) percepiscono dalla nuova Pac un pagamento aggiuntivo e hanno diritto di accesso alla riserva nazionale dei titoli.

Il pagamento aggiuntivo è limitato a un periodo di cinque anni, ma se un giovane si è insediato nel 2013, il pagamento viene concesso per tre soli anni.

L’importo del pagamento è calcolato per un numero massimo di 90 ettari. Quindi un giovane agricoltore che possiede 200 ettari percepisce il pagamento aggiuntivo “giovani” solo su 90 ettari.

L’importo del pagamento è pari al 25% del valore medio dei titoli all’aiuto detenuto dall’agricoltore stesso, in proprietà o in affitto. Quindi, in pratica, il giovane percepisce un pagamento maggiorato del 25% del pagamento di base.

Poiché l’importo medio del pagamento di base è di circa 180 euro/ha, il pagamento per i giovani è di circa 45 euro/ha. Un giovane agricoltore con 90 ettari riceve quindi 4000 euro/anno per cinque anni.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Trasferimento titoli Pac: è possibile solo se l’acquirente è “agricoltore attivo”

Quando si opera un trasferimento di titoli Pac da un agricoltore a un altro, la domanda da presentare all’organismo pagatore

Battini Agri, la concessionaria dei primati, festeggia 50 anni d’attività con un fatturato record

La Battini Agri, concessionaria di Kverneland Group Italia per alcune importanti province del Nord Italia, ha festeggiato l’anniversario del 50°

”La battaglia contro gli OGM era sbagliata”: l’autocritica di uno scienziato oppositore pentito

«La campagna anti ogm è stata vinta, ma purtroppo era sbagliata. Ha privato il mondo di un’innovazione cruciale, che migliora

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*