Campagna finanziaria Kverneland

Qualidisc T: l’erpice a dischi compatto e versatile

Qualidisc T: l’erpice a dischi compatto e versatile

Il Kverneland Qualidisc T è un erpice a dischi trainato che attira l’attenzione per la tipologia costruttiva che lo distingue da tutti gli altri presenti sul mercato, soprattutto per la sua compattezza. Ha una larghezza di lavoro tra i 3 e i 7 metri, è capace di operare da 2 a 15 centimetri di profondità e monta dischi di grande diametro per un ottimo sminuzzamento dei residui colturali, anche se molto abbondanti e di notevoli dimensioni, e la loro perfetta miscelazione con le zolle.

I dischi di ampio diametro e di forma conica

DISCO3 

I dischi sono di forma conica, e grazie al diametro di 573 millimetri mostrano una forte capacità di penetrazione nel suolo per assicurare una costante qualità del taglio ed evitare intasamenti in presenza di abbondanti residui.

I dischi sono trattati termicamente per garantire all’operatore una lunga durata.

La particolare regolazione dell’overlap tra le due file di dischi permette un taglio perfetto su tutta la larghezza di lavoro.

Regolazioni semplici e immediate

  REGOLAZIONE2 

La profondità di lavoro è molto semplice da impostare, grazie ai distanziali pivottanti che si regolano in base alla profondità desiderata. Se il rullo è richiesto a peso pieno, basterà semplicemente azionare i comandi idraulici.

Il Qualidisc T può disporre di ruote di profondità frontali per una grande stabilità nel lavoro, un buon livellamento e un flusso controllato del terreno.  

REGOLAZIONE4 

 

 

 

Per ottenere un buon livellamento, il flusso del terreno è controllato da dei deflettori laterali.

È possibile montare un erpice livellatore fra la fila posteriore dei dischi e il rullo, per un ottimo livellamento nel caso di terreni soffici, e per il raffinamento nei casi di terreno zolloso.

LIVELLAMENTO5 

Seminare durante l’incorporazione dei residui

Il Qualidisc T può essere combinato ad una seminatrice a-drill 200 o 500 per la coltivazione di cover crops o essenze foraggere in una sola passata, durante il processo di incorporazione dei residui colturali. L’attrezzo può essere equipaggiato con un’ampia gamma di rulli posteriori per ogni tipo di finitura.

Il Kverneland Qualidisc in fase di semina.

Il Kverneland Qualidisc in fase di semina.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
erpici

Articoli correlati

I residui colturali sono una risorsa importante, ma vanno trattati con attrezzature ben progettate

In questi ultimi anni tantissimi agricoltori stanno finalmente rivalutando i benefici dei residui colturali, che aumentano la dotazione di sostanza

Il sodo sui terreni argillosi? Si può: parola di chi lo fa

Per dimostrare ulteriormente la convenienza del sodo e la possibilità di praticarlo su qualsiasi tipo di terreno, oggi abbiamo deciso

Grano duro sulle colline delle Marche: un esempio virtuoso da seguire

Non cesserà mai il dibattito sull’amletico interrogativo: aratura o sodo? Tuttavia c’è una regione in Italia, le Marche, che da

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*