Soia: semina a dose variabile di NAV290 ad alto contenuto proteico

Kverneland Academy quest’anno raddoppia con un nuovo progetto agronomico dedicato alla soia, in collaborazione con il team di economisti diretti da Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia, insieme ai partner Sipcam Italia e la ditta Speziali Antenore di Roncoferraro, presso l’azienda agricola Berzaghi a Castel D’Ario (Mantova) su una superficie di circa 14 ettari.

Obiettivi e tesi a confronto

L’obiettivo è valutare i risultati economici del confronto tra due livelli di precisione abbinati ad aratura/erpicatura e a minima lavorazione. Attraverso il progetto si intende misurare:

  • i costi analitici connessi all’introduzione di due livelli di agricoltura di precisione;
  • gli effetti sui ricavi;
  • le variazioni di reddito lordo e reddito netto per alcune colture.

Le analisi economiche sono suddivise per:

  • tipologia di costo: carburanti, agrofarmaci, sementi, fertilizzanti, lavoro, manutenzione;
  • tecnica colturale: tradizionale (aratura/erpicatura) e minimum tillage (CTC).

Il CTC di Kverneland lavora l’appezzamento dedicato alla prova su minima lavorazione.

 

Ecco l’appezzamento dedicato alla lavorazione tradizionale, con l’aratura effettuata dall’aratro Kverneland Variomat 2500 S ed erpicature con Kverneland F 35.

In particolare, i due livelli di precisione applicati ai due sistemi di lavorazione del terreno comprendono:

Livello 0: nessun sistema. Rappresenta il controfattuale, senza alcun sistema per l’agricoltura di precisione;
Livello 1: guida automatica, GEOCONTROL e mappe. Prevede lo sterzo automatico, una correzione RTK-2,5 cm del segnale satellitare, il sistema di attacco/stacco delle sezioni per l’azzeramento delle sovrapposizioni e l’utilizzo delle mappe di prescrizione per la distribuzione a dosaggio variabile della semente.

La varietà della linea NAV® di Sipcam

Le varietà di soia della linea NAV® sono nate per fornire una materia prima di altissima qualità alle Filiere Speciali, alimentare e zootecnica. Grazie alla ridotta quantità di fattori anti-nutrizionali non termolabili e a un contenuto proteico elevatissimo e di ottima qualità, la granella di queste varietà è molto apprezzata e ricercata dai trasformatori e offre la possibilità di venire premiata, valorizzando così direttamente il lavoro dell’agricoltore.

La varietà NAV290 di Sipcam Italia fornisce un prodotto di altissima qualità adatto alle filiere italiane.

La NAV290® è la varietà dedicata alla prova, classe di maturità 1+, taglia media, fiore bianco e ilo nero. È una pianta caratterizzata da ottima resistenza all’allettamento e la sua perfetta sanità mantenuta fino alla raccolta la rende particolarmente adatta alle raccolte tardive.

NAV290® è caratterizzata da un’alta fertilità e ben si adatta a diverse condizioni pedoclimatiche. Le particolari qualità della sua granella rendono le attenzioni alla disponibilità idrica ancora più importanti, soprattutto nella fase finale del riempimento dei baccelli, così da completare al massimo l’accumulo di proteine e l’ingrossamento del seme.

Seme: la mappa di prescrizione della dose variabile

Sulla base della mappatura del terreno effettuata da Agrisoing, gli agronomi di Sipcam Italia in collaborazione con Bruno Agazzani della ditta Speziali Antenore, responsabile tecnico del progetto, hanno elaborato la mappa di prescrizione con quattro diverse densità di semina: 35, 40, 45 e 50 piante/mq.

La mappa di prescrizione sulla base della mappatura del suolo effettuata da Agrisoing.

 

La seminatrice Kverneland Optima HD e drive II semina la soia NAV 290 insieme al fertilizzante Umostart OM Power.

 

Umostart OM Power alla semina

Non si deve pensare che la soia non abbia bisogno di fertilizzazione. Infatti, se per l’azoto riesce soddisfare da sé il suo fabbisogno, la soia ha necessità di fosforo prontamente disponibile da distribuire al momento della semina per rispondere alla richiesta energetica derivante dalla sua intensa attività di fissazione dell’azoto ma anche per favorire una pronta emergenza delle piantine.

Il concime microrganulare Umostart OM Power di Sipcam Italia.

Sipcam Italia sul campo Kverneland Academy ha distribuito a 20 kg/ha il concime microgranulare Umostart Om Power, insieme al seme trattato con rizobio Optimax (una combinazione di rizobi specifici per la soia e microrganismi che solubilizzano i fosfati).

Umostart OM Power rilascia nel solco di semina non solo fosforo ma anche matrici organiche azotate a rilascio modulato, acidi umici, fulvici e zinco legati e protetti dalla materia organica.

Diamo appuntamento ai nostri lettori alla prossima puntata dedicata al diserbo della soia.

fonte: Kverneland Group Italia

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
Kverneland Group Academy

Articoli correlati

Mais: 380 euro di reddito in più con minima lavorazione e dosi variabili

1012 euro/ha contro 615,94 euro/ha: è la differenza di reddito netto tra la lavorazione tradizionale con guida manuale (aratura ed

Semina del mais a dose variabile su strip-till ad alta velocità

In soli due anni l’azienda Borgo Libero della famiglia Tovo, nel mantovano, è passata dalla tradizione fatta di aratura ed

Il mais può aumentare la sua redditività, ma occorre abbandonare le consuetudini

Il potenziale genetico del mais non viene sfruttato al meglio dall’agrotecnica: questo significa che, da quando mettiamo il seme nel

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

<