Campagna finanziaria Kverneland

Sorgo, una coltura rustica a basso impatto, adatta alla granella e all’insilato per stalla e biogas

Sorgo, una coltura rustica a basso impatto, adatta alla granella e all’insilato per stalla e biogas

La si può definire una grande incompresa la coltura del sorgo, che da decenni oscilla tra i 40.000 e i 50.000 ettari coltivati nel nostro paese, senza mai riuscire a diventare stabile negli ordinamenti colturali.

In pochi conoscono a fondo le virtù del sorgo

Il motivo risiede nel fatto che ben pochi conoscono bene il sorgo e i nuovi ibridi decisamente molto produttivi e rustici e l’impiego di questa coltura, sia per la produzione di granella sia per la produzione di insilato, rimane confinata su un pugno di ettari.

Così tutti puntano sul mais, senza pensare che il sorgo con le quotazioni attuali permette di realizzare margini uguali a quelli del mais e a volte superiori, con la metà delle spese di coltivazione. Inoltre non viene attaccato da diabotrica e piralide e quindi la sua granella è sana ed esente da micotossine.

Il prezzo del mais e del sorgo sono uguali

Per quanto riguarda il mercato, l’attuale prezzo del sorgo equivale a quello del mais e, considerando che le previsioni per il mais nel 2016 non indicano aumenti delle quotazioni, è bene che gli agricoltori, prima di seminare tutta la superficie a mais, si fermino un attimo a riflettere, perché il reddito lordo del sorgo può superare quello del mais, fatta eccezione ovviamente per le aree molto vocate al mais.

Alcune esperienze aziendali del 2015

Non dimentichiamo poi che il sorgo è coltura ideale per occupare le aree meno fertili dell’azienda, le aree collinari e dove scarsa è la possibilità di irrigare. Le esperienze di molti agricoltori fatte nel 2015, annata davvero molto calda e siccitosa, confermano la rusticità del sorgo e le sue ottime capacità produttive.

La Cooperativa Braccianti di Bagnacavallo (Ravenna) nel 2015 ha prodotto 80 ql/ha di granella di sorgo perché l’annata è stata asciutta, altrimenti avrebbero fatto i 100 ql/ha come negli anni piovosi.

Ottimo da insilato, ma anche come cover crop

Il sorgo, soprattutto quello bianco, si presta inoltre alla semina su sodo soprattutto come secondo raccolto, per esempio dopo un grano foraggero come il Ludwig, e raccolto a maturazione cerosa. Inoltre come erbaio estivo può fare molto bene da cover crop, incassando il premio previsto dalla Misura M 10 dei PSR regionali.

Esperienze fatte nel ferrarese da una grande azienda come quella della famiglia Colombarini, con sorgo irrigato sotto il pivot, hanno portato a produzioni di oltre 400 tonnellate/ha di insilato da biomassa.

In collina la data di semina limite del sorgo è metà aprile e anche in aree marginali i 70 ql/ha di granella sono a portata di mano, a patto di scegliere ibrido e tecnica colturale adeguate.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
sorgo

Articoli correlati

Sos mais italiano: in dieci anni persi oltre 400mila ettari di superficie seminata

Italia, anno 2006: 1.100.000 ettari a mais. Italia, anno 2016: 656.000 ettari a mais. Questo il bilancio del tracollo di

Terreni più fertili, strutturati e sani grazie alle colture di copertura: la nuova linea Viterra

Azione antierosiva sul suolo, contrasto alla lisciviazione degli elementi nutritivi, riduzione delle malerbe, apporto di sostanza organica e nutrienti. Una

Varietà e diserbo del sorgo, un ottimo sostituto del mais

Resiste alla siccità, è parco nelle sue esigenze nutritive, si adatta a svariate tipologie di terreni e sostituisce egregiamente il

5 commenti

Scrivi un commento
  1. giovanni
    giovanni 20 febbraio, 2016, 14:50

    mi interessa questa granella ,i terreni sono irrigui ,ma vorrei sapere se puo andar bene per l’ alimentazione degli ovini.grazie

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 22 febbraio, 2016, 13:56

      Gli ibridi di sorgo vengono venduti dalle principali società sementiere, tuttavia non sappiamo se la granella sia idonea per l’alimentazione delle pecore. Le consigliamo di rivolgersi a un rivenditore di sementi che può girare la sua domanda alle società sementiere con cui ha rapporti commerciali.

      Rispondi a questo commento
  2. giovanni
    giovanni 20 febbraio, 2016, 14:53

    riusciamo a trovare il seme in sardegna?

    Rispondi a questo commento
  3. Mf
    Mf 13 maggio, 2016, 21:32

    Salve, come erbaio estivo da far pascolare agli ovini va bene??

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 17 maggio, 2016, 15:02

      Gentile lettore, purtroppo non abbiamo esperienze in merito. In ogni caso il sorgo è una pianta di una certa taglia e quindi potrebbe costituire un problema per il pascolo.
      Grazie per averci contattato e per seguirci.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*