Tre banche propongono strumenti a sostegno delle imprese agricole che aderiscono ai PSR

Tre banche propongono strumenti a sostegno delle imprese agricole che aderiscono ai PSR

Intesa San Paolo, Unicredit e Gruppo Banca Popolare propongono strumenti finanziari di sostegno alle imprese agricole collegate ai Piani di sviluppo rurale regionali. Ecco i dettagli delle iniziative.

Intesa San Paolo

Il programma “Diamo credito all’agroalimentare” sui PSR arriva a coprire il 140% delle esigenze dell’impresa: fino al 100% dell’investimento iniziale e fino al 40% per eventuali nuove esigenze riconducibili alla prima spesa.

Unicredit

Il finanziamento “Anticipo contributi dai PSR” permette di disporre anticipatamente dei contributi concessi in un’unica erogazione, mentre il “Finanziamento PSR” copre la quota di investimenti non assistita dai PSR.

Gruppo Banca Popolare

L’iniziativa “Sosteniamo l’agricoltura” sui PSR arriva a coprire fino al 100% dell’investimento programmato.

Gli altri accordi locali

Oltre a quelli nazionali appena descritti, ci sono alcuni accordi a livello territoriale.

In Piemonte Unicredit, Intesa San Paolo, Bnl, Veneto Banca, Banca Popolare di Vicenza, Riva Banca, Banca di Cherasco, Cassa rurale artigiana di Boves finanziano il 100% degli investimenti programmati dai soggetti cui è stato concesso un contributo dai PSR.

Poi segnaliamo l’accordo tra Conaf (Consiglio ordine nazionale agronomi) con il Gruppo Banca Popolare che ha prodotto convenzioni nelle ragione Umbria.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
finanziamenti agricolturaPSR 2015-2020

Articoli correlati

La rivoluzione digitale deve arrivare in campagna, o addio alla redditività

Abbiamo l’impressione che per la maggior parte degli agricoltori non sia importante guadagnare. Leggendo questa considerazione sobbalzerete sulla sedia, ma vi

Niente PAC per gli agricoltori con nuove partite IVA

È stata introdotta di recente una modifica sull’agricoltore attivo. La novità riguarda la partita IVA attivata in campo agricolo successivamente alla

Il governo vara il Collegato Agricolo: ecco le nuove norme che potrebbero migliorare il settore

Noi italiani, soprattutto in fatto di normativa, siamo speciali nell’attribuire nomi poco comprensibili e molto burocratici a novità legislative che

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

<