Tre nuovi erbicidi per controllare le infestanti difficili dei cereali

Tre nuovi erbicidi per controllare le infestanti difficili dei cereali

Sono disponibili da poco sul mercato italiano tre nuovi erbicidi per controllare le infestanti difficili dei cereali. Ne presentiamo le principali caratteristiche.

Zypar, il nuovo dicotiledonicida di Corteva per i cereali

Controlla molto bene Fumaria officinalis, Galium aparine, Papaver rhoeas, inclusi alcuni biotopi ALS resistenti, e Stellaria media. È il nuovo erbicida Zypar di Corteva, primo dicotiledonicida di post-emergenza contenente Arylex, una nuova sostanza attiva che entra nel sistema vascolare delle malerbe, annientandole.

Zypar è registrato su frumento tenero e duro, farro, orzo, segale e triticale, è formulato come emulsione di acqua in olio e incorpora il bagnante specifico. Le dosi di impiego sono di 0,75 e 1 litro/ha, con applicazioni a partire dalla fase di tre foglie vere per i cereali primaverili o inizio accestimento per i cereali vernini, sino alla fase del secondo nodo.

Omnera contro le infestanti a foglie larghe dei cereali

Omnera è una nuova miscela di met-sulfuron metile, tifensulfuron metile e fluroxypyr con formulazione in dispersione oleosa ottenuta con una nuova tecnologia che porta a un ampliamento dello spettro di azione e a un minore impatto delle avversità climatiche.

Registrato da Cheminova Agro, Omnera combatte in post-emergenza le infestanti a foglia larga dei cereali compreso Galium aparine. Va impiegato alle dosi di 0,75-1 l/ha in post-emergenza allo stadio di inizio accestimento dei cereali vernini sino alla foglia a bandiera e allo stadio di due foglie vere per i cereali a semina primaverile. Va applicato su infestanti giovani e in crescita attiva.

Duplosan Super, la nuova miscela a tre vie di Certis

Nel Duplosan Super di Certis, la sostanza attiva Diclorprop-P viene abbinata a Mecoprop-P e MCPA, ottenendo un erbicida in formulazione concentrato solubile (SL) ad attività sistemica, che controlla le infestanti dicotiledoni anche più difficili e di recente introduzione (come Cardo mariano) o selezionate dai comuni erbicidi (come Veronica e Papavero resistente).

Si può utilizzare sui cereali vernini alla dose di 2 e 2,5 l/ha con una finestra applicativa molto ampia, che va dalla fase di accestimento e il secondo nodo con temperature comprese tra i 12 e i 25 gradi anche con infestanti ai primi stadi di sviluppo e in attiva crescita.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
cereali

Articoli correlati

Azoto su frumento duro: quando concimare e con quali prodotti

L’azoto apportato al frumento, in dosi e in epoche differenti, può modificare in maniera molto significativa sia la resa sia

Il danno “spiga bianca” dall’ofiobolo del grano: con la concia Latitude XL si può limitare l’attacco

Chiazze di grano e orzo depresse e più chiare, e nel corso della spigatura il sintomo più evidente con la

Gestione delle infestanti e minima lavorazione: attenti a come usare il Glifosate

Oltre a evitare il compattamento del terreno e a gestire bene i residui colturali lasciati in superficie, l’agricoltura conservativa richiede

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*