Il loietto può ‘aggirare’ il greening. A patto che…

Il loietto può ‘aggirare’ il greening. A patto che…

Gabriele Chiodini, esperto di Pac dell’Università di Perugia, pone un caso molto interessante per gli agricoltori della Pianura Padana, assai contrariati dal fatto che devono rinunciare alla monocoltura di mais per incassare il pagamento greening. Molti di questi agricoltori sono anche allevatori e non disdegnano di coltivare il loietto.

Nuova Pac 2015 – Opzione 1 per un agricoltore che nel 2014 ha coltivato 100 ha di mais.

Nuova Pac 2015 - Opzione 2 per un agricoltore che nel 2014 ha coltivato 100 ha di mais.

Nuova Pac 2015 – Opzione 2 per un agricoltore che nel 2014 ha coltivato 100 ha di mais.

Partiamo dall’opzione 1. L’agricoltore che nel 2014 aveva 100 ha a mais, nel 2015 ha un ordinamento colturale dove:

  1. Il mais mantiene la maggior superficie consentita dal greening, che è il 75%
  2. Il loietto è la seconda coltura e viene seguito da mais di seconda raccolta
  3. La soia è la terza coltura richiesta dal greening che porta all’agricoltore anche l’aiuto accoppiato

Ma c’è anche l’opzione 2. Dove la stessa azienda, mantenendo la possibilità di fare la doppia coltura, può scegliere di seminare loietto o un’altra foraggera, facendola poi seguire dal mais. In questo caso non vi è più l’obbligo della diversificazione colturale e nemmeno di mettere il 5% della superficie ad area ecologica. Quindi 100 ha a loietto e poi gli stessi 100 a mais. L’importante è che il loietto resti in campo sino a maggio.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
greeningloiettomaisnuova Pacpac 2015

Related Articles

Agricoltura, via alla campagna di sottoscrizione delle assicurazioni 2016. Ecco le novità

Alluvione, gelo, brina e siccità (avversità catastrofali); grandine, venti forti ed eccesso di neve e di pioggia (avversità di frequenza); colpi

Denuncia variazione colturale, c’è tempo fino al 31 gennaio

Non c’è più l’oliveto ma un seminativo, si è scavato un pozzo aziendale, dalle ortive si è passati al vigneto:

5 agricoltori su 6 disposti a coltivare ibridi modificati con il nuovo genome editing

La rivista Terra e Vita ha condotto un sondaggio tra agricoltori e tecnici ponendo la seguente domanda: “Oggi la ricerca

3 comments

Write a comment
  1. ddavide
    ddavide 10 Marzo, 2015, 08:00

    Interessante. Vale solo non caso si semini il 100% di loietto? Io ho circa 200 ha di cui in questo momento seminati circa 100 a loietto e 100 a frumento. Dopo aver trinciato potrei fare tutto mais di secondo? Grazie

    Reply this comment
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Author 11 Marzo, 2015, 10:36

      Certamente sì, può fare mais di secondo raccolto e così rispetta l’obbligo della terza coltura; tuttavia è obbligato anche a realizzare le aree di interesse ecologico, che nel caso avesse seminato 200 ettari di loietto non sarebbero state obbligatorie, così come non lo sarebbe stata la terza coltura. Magari varrà per il prossimo anno, se le fa comodo!

      Reply this comment
      • Valter
        Valter 16 Novembre, 2017, 11:37

        Buon giorno! Avevo sentito di questa possibilità.. però io sapevo di dovere seminare almeno il 70 x 100 della superficie aziendale ad oietto! E non il 100 x100.

        Reply this comment

Write a Comment