Spandiconcime Kverneland

1000 ettari, 3 colture, ammortamento in 5 anni: i benefici economici dell’agricoltura di precisione

1000 ettari, 3 colture, ammortamento in 5 anni: i benefici economici dell’agricoltura di precisione

Il progetto LIFE+Agricare, di cui abbiamo parlato in un recente articolo, ha analizzato i costi e i benefici dell’applicazione di due diversi livelli di agricoltura di precisione da parte di un contoterzista che vuole innovare. Si è ipotizzato un utilizzo su mille ettari, tre colture (mais, frumento e soia) e un ammortamento in cinque anni.

Fonte: L’Informatore Agrario n. 24-25/2018

I costi di investimento

La tabella riassume i costi delle tecnologie necessarie, relativamente alla sola guida assistita e alla guida assistita più i dosaggi variabili.

Come si vede, rapportati agli ettari considerati, si tratta di valori piuttosto contenuti: 15 euro/ha nel caso di dosaggio uniforme e 17 euro/ha nel caso di dosaggio variabile.

A tali costi vanno aggiunti quelli delle mappe di produzione (circa 15 euro/ha/anno) e i costi della mappatura del suolo con relativa analisi (da 100 a 150 euro/ha una tantum). Per le mappe di prescrizione si stima un costo di circa 30 euro/ha/anno.

I vantaggi economici più significativi

Il progetto LIFE +Agricare conferma che l’agricoltura di precisione determina un calo dei consumi di gasolio e dei costi di esercizio delle macchine di almeno del 10%, con un miglioramento significativo della qualità del lavoro degli operatori e una riduzione della fatica. Dunque il risparmio finale sui costi di meccanizzazione rispetto all’agricoltura tradizionale si può riassumere in almeno 30 euro/ha/anno, ben superiore rispetto ai costi di investimento per l’acquisto delle tecnologie di precisione.

Evitare le sovrapposizioni con la guida assistita significa risparmiare in mezzi tecnici. Ma quanto? Considerato che i costi di produzione dei soli fattori produttivi per le colture considerate dal progetto – cioè mais, frumento e soia – sono di almeno 500-600 euro/ha/anno, si può considerare un altro 10% in meno.

L’agricoltura di precisione è dunque di una tecnologia sicuramente conveniente per la sua piena operatività; tuttavia occorrono tempi lunghi a causa anche delle carenze tecnico-culturali degli imprenditori e dell’insufficiente rete di assistenza tecnica, che deve trasmettere agli agricoltori la necessaria professionalità in meccatronica ma anche le giuste analisi dei costi/benefici riferite alle diverse situazioni agronomiche e colturali.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura di precisioneLife Agricare

Articoli correlati

Novità 2018: anche la soia si semina a dose variabile. La nostra prova

Per il mais è una pratica già collaudata positivamente, ma la semina a dose variabile potrebbe riservare sorprese positive anche

Domanda Pac: come usare il segnale RTK per definire senza errori appezzamenti e tare

L’agricoltura di precisione ha nel segnale RTK il suo pilastro fondamentale, ma questo segnale può fornire un grande aiuto anche

Smartfarming Dekalb, l’eccellenza in ogni metro di terreno grazie all’agricoltura di precisione

Dekalb per le semine del mais 2017 lancia il progetto “Smartfarming 2017” in una cinquantina di aziende agricole della Pianura

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*