2,4 miliardi di euro per gli agricoltori italiani con i Psr 2021 e 2022

2,4 miliardi di euro per gli agricoltori italiani con i Psr 2021 e 2022

La Commissione europea, in considerazione dell’emergenza Covid-19, ha deciso di iniettare nuova liquidità all’agricoltura a partire dal 1° gennaio 2021, destinata a potenziare la Pac a favore delle misure in corso dello sviluppo rurale. Lo ha annunciato il vicepresidente della commissione Ue all’agricoltura Paolo De Castro in un webinar organizzato da Image Line nell’ambito di Eima Digital.

Denaro solo per tre destinazioni specifiche

«All’Italia – ha spiegato De Castro – spetteranno 2,4 miliardi di euro che dovranno essere ripartiti in tre direzioni:

  1. Il 55% deve essere riservato esclusivamente per sostenere gli investimenti in nuove attrezzature e macchine agricole che consentano risparmi di costi e minori impatti ambientali, sistemi di agricoltura di precisione e digitalizzazione.
  2. Misure agroambientali degli attuali Psr, quindi minima lavorazione, sodo, cover crops, eccetera.
  3. Premio per il primo insediamento dei giovani agricoltori, che deve passare da 40.000 a 100.000 euro

Queste ultime due misure si devono ripartire il restante 44% dei 2,4 miliardi di euro».

Si tratta di un’occasione unica per il nostro paese, dato che la liquidità sarà disponibile già dal 1° gennaio 2021.

Mipaaf e Regioni non devono perdersi nella burocrazia

È fondamentale però che Mipaaf e Regioni si attivino immediatamente per rimodulare alcune misure degli attuali Psr, per poter allestire in tempi brevi i relativi bandi. In pratica, dati gli obiettivi indicati da Bruxelles per l’utilizzo di questo nuovo finanziamento, si dovranno aumentare le dotazioni in particolare della misura 4, destinata a finanziare l’acquisto di nuove attrezzature e tecnologie digitali, e della misura 10 che sostiene, con un premio per ettaro variabile da regione e regione, coloro che si impegnano di adottare per 5 o 6 anni percorsi agronomicamente virtuosi come minima lavorazione, sodo, cover crops, utilizzo mirato di agrofarmaci, fertilizzanti, liquami e digestati e via dicendo.

Chi può vigilare sulla macchina regionale, lo faccia ora

Il segnale che viene da Bruxelles è molto chiaro: soldi freschi e pronta cassa per l’innovazione, la digitalizzazione e il ricambio generazionale. Non si tratta altro che dei tre pilastri fondanti della nuova agricoltura, che deve operare un deciso cambio di passo, con un taglio netto rispetto a quello che è stato fatto sino a oggi nel segno di sistemi tradizionali di gestione che non hanno più ragione di esistere.

Ora però c’è da chiedersi: riusciranno il governo centrale e le Regioni a spendere in tempo tutta questa bella somma di euro? La storia, anche recente, dice che non ci riusciamo quasi mai. Dunque, chi può vigilare sulla questione è bene che si metta al lavoro da subito.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
agricolturaPaolo De CastroPSR 2021-2027

Related Articles

Controllo funzionale delle irroratrici: il termine scade a novembre 2016

Le attrezzature da verificare sono tante e i centri regionali abilitati per i controlli sono pochi, quindi è bene non

Come aumentare la produttività della terra e del lavoro

Nuove conoscenze e stimolo all’innovazione sono le due direttrici guida lungo le quali si muoveranno gli strumenti più importanti dell’Unione

Stop al glifosate: alcune regioni varano delibere e mozioni, ma sono frutto di ignoranza

L’Italia ancora una volta è il paese degli assurdi paradossi. Importiamo almeno il 40% del grano che ci occorre per mangiare,

3 comments

Write a comment
  1. Enrico
    Enrico 14 Novembre, 2020, 08:11

    I soliti contributi dati a una tantum senza realmente vedere il bisognodi chi lavora in campagna. Io ho 46, ho l’opportunità adesso di subentrate come ricambio generazionale, ma son fuori dagli aiuti, lavoro in una zona dove il terreno è a prevalenza di forte impasto e argilloso, la minima lavorazione sodo ecc, non vanno, e quindi fuori dagli aiuti. Cara commissione europea provate ad andare in campagna per vedere realmente com’è la vita di chi ci lavora, ho ancor di piu’, prendetevi un pezzo di terreno e coltivatelo, firse cosi capirete il vero fabbisogno di chi ci lavora.

    Reply this comment
  2. Camelia
    Camelia 14 Novembre, 2020, 20:01

    Poter accedere ai fondi direttamente a Bruxelles senza passare per stato e regioni.

    Reply this comment
  3. Luigi
    Luigi 15 Novembre, 2020, 08:39

    Buongiorno, sono diventato coltivatore diretto da meno di un anno, posso fare richiesta x premio nuovo insediamento?

    Reply this comment

Write a Comment