Acquisto di terreno agricolo senza titoli: cosa succede con la nuova Pac?

Acquisto di terreno agricolo senza titoli: cosa succede con la nuova Pac?

Un lettore di Terra e Vita ha posto un caso molto interessante: nel 2019 ha acquistato della terra priva di titoli Pac, confinante con la sua. Pertanto oggi ha una superficie ammissibile superiore a quella corrispondente ai titoli che ha in portafoglio. L’agricoltore in questione si domanda: «Cosa succederà con la nuova Pac? Potrò percepire titoli su tutta la superficie?»

La nuova Pac, spiega l’agronomo Angelo Frascarelli rispondendo al quesito su Terra e Vita, prevede che i pagamenti diretti possano essere erogati secondo due modalità sulle quali il nostro paese non si è ancora espresso:

  1. Pagamento uniforme per ettaro senza titoli che verranno aboliti il 31 dicembre 2021.
  2. Pagamento sulla base di titoli che verranno ricalcolati.

Nel primo caso il lettore riceverà un aiuto a forfait su tutta la superficie a coltura, compresa quella acquistata senza titoli, dal momento che i titoli non ci saranno più. Nel secondo, quindi se rimarranno i titoli, il lettore potrà avere i nuovi titoli solo sulla superficie coperta dai titoli in suo possesso, quindi è opportuno da subito mettersi alla ricerca di titoli da acquistare.

I titoli che il lettore acquisterà rimarranno validi per il 2020 e il 2021 e dal 2022 verranno rimodulati in base alla nuova normativa.

A quale valore è conveniente oggi acquistare dei titoli Pac?

Prima di redigere la domanda unica del 2020 è quindi consigliabile che l’agricoltore in questione acquisti i titoli mancanti al valore nominale più il pagamento greening. Per esempio, titoli del valore di 200 euro/ha più 100 euro/ha del pagamento greening. Così facendo potrà recuperare la somma spesa nell’acquisto con il pagamento Pac 2020. Nel 2021 i titoli acquistati generano un’entrata netta.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Angelo Frascarellinuova Pactitoli pac

Articoli correlati

Vigneti, i nuovi vincoli sulla trasferibilità per contrastare i ”furbetti del reimpianto”

Fatta la legge, trovato l’inganno. Anche la normativa sulle autorizzazioni ai nuovi impianti viticoli negli ultimi due anni è stata

Prezzi cereali: cosa è successo da agosto a novembre e cosa possiamo aspettarci per il prossimo anno

Nessuno ha la palla di vetro e chi lavora nel settore cerealicolo è ormai abituato a un mercato che non

Titoli Pac in eccesso: conviene venderli?

Ci sono agricoltori che coltivano una superficie ammissibile ai pagamenti Pac inferiore a quella dei titoli che hanno in portafoglio.

5 commenti

Scrivi un commento
  1. Domenicantonio De Masi
    Domenicantonio De Masi 5 Febbraio, 2020, 12:58

    Quindi è conveniente acquistare titoli fino a 300 Euro/ha.

    Rispondi a questo commento
  2. Gramazio Gaetano
    Gramazio Gaetano 5 Febbraio, 2020, 23:11

    Per un giovane agricoltore la rimodulazione dei titoli terrà conto del maggior valore acquisito alla prima richiesta?

    Rispondi a questo commento
    • Maurizio
      Maurizio 8 Marzo, 2020, 09:32

      Salve dottor Bartolini, non mi è chiara ancora una cosa, ipotizziamo che un giovane agricoltore si insedi per la prima volta in agricoltura e decida di dedicarsi alla coltura del tabacco, esso riceverà titoli pac base in base alla superficie coltivata di valore medio nazionale di 210 euro? oppure l’assegnazione e il valore del titolo base viene calcolato in base a ciò che si coltiva? Se si ottiene 210 euro è una gran fregatura, dato che molti agricoltori hanno titoli base molto alti, senza parlare della media dei titoli di altri stati europei che è ben più alta della nostra.

      Rispondi a questo commento
  3. Maurizio
    Maurizio 8 Marzo, 2020, 09:39

    Salve dottor Bartolini, non mi è chiara ancora una cosa, ipotizziamo che un giovane agricoltore si insedi per la prima volta in agricoltura e decida di dedicarsi alla coltura del tabacco, esso riceverà titoli pac base in base alla superficie coltivata di valore medio nazionale di 210 euro? oppure l’assegnazione e il valore del titolo base viene calcolato in base a ciò che si coltiva? Se si ottiene 210 euro è una gran fregatura, dato che molti agricoltori hanno titoli base molto alti, senza parlare della media dei titoli di altri stati europei che è ben più alta della nostra.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*