Spandiconcime Kverneland

Acquisto fitofarmaci: occorre l’abilitazione, ma due terzi delle aziende agricole non ce l’ha

Acquisto fitofarmaci: occorre l’abilitazione, ma due terzi delle aziende agricole non ce l’ha

Chi effettuerà, essendo in perfetta regola con le nuove normative, i prossimi trattamenti con gli agrofarmaci?

Dallo scorso 26 novembre 2015, con l’entrata in vigore del PAN (vedi articolo), possono acquistare e utilizzare in campo gli agrofarmaci solo i produttori abilitati. Ma nel nostro Bel Paese le abilitazioni rilasciate sino a oggi non sono più di 260 mila, contro oltre un milione di aziende agricole professionali.

I contoterzisti certamente sono i primi a essere interpellati dagli agricoltori che non sono ancora in regola, ma la normativa precisa che possono distribuire agrofarmaci solo coloro che sono iscritti come tali alla Camera di commercio e quindi non le aziende agricole che svolgono lavorazioni in regime di concessione.

Regole ferree anche per i contoterzisti

Roberto Guidotti dell’ufficio tecnico di Unima precisa che gli operatori considerati “utilizzatori professionali”, quindi tenuti all’abilitazione, possono ora acquistare prodotti in proprio e usarli presso i loro clienti agricoltori, oppure limitarsi al loro utilizzo. In questo ultimo caso devono annotare i dati dell’intervento effettuato in campo sul registro aziendale dei trattamenti dell’agricoltore, oppure limitarsi a rilasciare una scheda riepilogativa se il registro non è in azienda. La mancata o errata compilazione dei registri può comportare la sospensione degli aiuti della Pac.

Nel caso di acquisto in proprio, il contoterzista deve tenere un registro di carico/scarico e fatturare al cliente il prodotto impiegato e il servizio svolto in campo.

Gli adempimenti non riguardano solo l’acquisto e la distribuzione degli agrofarmaci, ma anche mantenere le distanze di sicurezza da abitazioni e corsi di acqua, informare del trattamento i residenti, occuparsi dello smaltimento dei rifiuti, mantenere efficienti le irroratrici e ridurre la deriva, come anche evitare gli inquinamenti puntiformi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Come si diserba la medica al primo impianto

La nuova Pac, che incentiva la diversificazione colturale, oltre alla soia porterà verosimilmente a una più estesa superficie di erba

Diserbo mais: perché scegliere l’intervento di pre-emergenza con gli erbicidi residuali

Sul mais, per combattere le principali infestanti, la maggior parte dei bravi agricoltori si orienta sulla prevenzione, cioè sui trattamenti

Agricoltura biologica, il rame si salverà dall’assurda minaccia di venire messo al bando in Europa?

Sui fitosanitari a base di rame pende la spada di Damocle di una recente decisione della Commissione europea, secondo la

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*