Agricoltura, Pac: ecco perché i pagamenti diretti sono un’ingiustizia sociale

Agricoltura, Pac: ecco perché i pagamenti diretti sono un’ingiustizia sociale

L’80% dei pagamenti diretti del primo pilastro della Pac va a beneficio dei conti correnti di appena il 20% degli agricoltori. Ma questi pochi eletti sono davvero gli imprenditori meno capaci e più bisognosi di un sostegno economico così rilevante? La risposta è no, perché più della metà delle risorse dei pagamenti diretti va al 10% più ricco della popolazione agricola europea, mentre circa 3,5 milioni di aziende con reddito basso beneficia di appena il 5% dei pagamenti erogati. Questo risulta da indagini effettuate sulla nuova Pac, pubblicate sull’Informatore Agrario e che denunciano la profonda ingiustizia che sta alla base dell’attuale politica agricola europea.

Chi beneficia di più aiuti non ne avrebbe bisogno, e chi invece ne ha bisogno per tirare avanti prende solo le briciole.
Uno dei problemi alla base di questa ingiustizia sta nel binomio “diritti all’aiuto – terra”, cioè aver accoppiato i pagamenti diretti alla superficie agricola, al possesso della terra, un fattore fortemente concentrato in quasi tutti i paesi europei che ha generato una diseguale distribuzione delle risorse. Occorre dunque che coloro che stanno disegnando la nuova Pac post 2020 mettano mano a queste diseguaglianze.

Stefano Ciliberti dell’Università di Perugia scrive nell’Informatore Agrario che non sarebbe peregrino mettere in discussione i pagamenti accoppiati alla terra studiando criteri alternativi per assegnare aiuti che siano davvero rispondenti alle finalità della Pac. Dunque occorre una riforma forte e coraggiosa che smantelli dalle fondamenta l’attuale schema della Pac 2014-2020.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricolturanuova PacStefano Ciliberti

Articoli correlati

Il nuovo Programma di Sviluppo Rurale Nazionale finanzia rischi, irrigazione e biodiversità animale

È stato approvato dall’Unione europea il Programma di Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN), da non confondere con i PSR regionali. Si tratta

Grano duro, Barilla rilancia il contratto di coltivazione per 3 anni con prezzo minimo e premio proteine

Tutto dipende dal tenore di proteine, ma comunque, male che vada, con la varietà Aureo si incassano 219,35 euro/tonnellata se

Grano duro, i contratti sono la strada da seguire: il Mipaaf stanzia aiuti per 100 euro/ha

Pianificare la produzione per macroaree secondo le esigenze degli utilizzatori, praticare la gestione associata del raccolto in cooperative oppure attraverso

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*