Spandiconcime Kverneland

Bando Isi 2016: 45 milioni di euro per l’acquisto di trattori e macchine agricole innovative e sostenibili

Bando Isi 2016: 45 milioni di euro per l’acquisto di trattori e macchine agricole innovative e sostenibili

40 milioni di euro per la generalità delle imprese agricole (asse 2) e 5 milioni di euro destinati ai soli giovani agricoltori (asse 1) costituiscono il pacchetto di finanziamento appena varato dall’Inail con il bando Isi Agricoltura 2016.

Cosa viene finanziato

Sono finanziati l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali e macchine agricole o forestali caratterizzati da soluzioni innovative per l’abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio di rumore e il miglioramento del rendimento della sostenibilità globale dell’azienda.

Entità del finanziamento

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande. Il contributo è pari al 40% dell’investimento (50% per i giovani) per un massimo di 60.000 euro e un minimo di 1.000 euro.

I cumuli ammessi

Gli aiuti possono essere cumulati:

  • con altri aiuti di Stato che riguardano diversi costi ammissibili;
  • con gli stessi costi ammissibili in tutto o in parte coincidenti, solo se tale cumulo non comporta il superamento dell’intensità di aiuti pari al 50% dell’importo di costi ammissibili per i giovani agricoltori e al 40% dell’importo di costi ammissibili per tutti gli altri soggetti.

Termine per la presentazione delle domande

A partire dal 10 novembre 2016 e non oltre il 20 gennaio 2017, nella sezione “Accedi ai servizi on line” del sito Inail (www.inail.it), le imprese registrate avranno a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda che permetterà di:

  1. effettuare simulazioni relative al progetto di finanziamento da presentare;
  2. verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;
  3. salvare la domanda inserita;
  4. effettuare la registrazione della propria domanda.

Previsto anche l’acquisto di due beni strumentali

Il progetto presentato dall’azienda agricola può prevedere l’acquisto al massimo di due beni componibili nel modo seguente:

  • un trattore agricolo o forestale + una macchina agricola o forestale dotata o meno di motore proprio;
  • una macchina agricola o forestale dotata di motore proprio + una macchina agricola o forestale non dotata di motore proprio;
  • due macchine agricole o forestali non dotate di motore proprio.

Possono accedere a questi finanziamenti le imprese individuali, le società agricole e le società cooperative operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli e in possesso dei requisiti specificati nel bando. Ogni impresa potrà presentare una sola domanda e per uno solo dei due assi di finanziamento previsti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
finanziamenti agricolturaInailIsi Agricoltura

Articoli correlati

Cereali, la ricetta per convivere con la volatilità dei prezzi di mercato

Eccesso di produzione per andamenti climatici favorevoli e aumento delle superfici coltivate. Smantellamento della politica UE “dei mercati” con riduzione

Cover crops: “Tillage Radish”, il rafano americano che lavora il terreno al posto dell’aratro

Da quest’anno, finalmente, si può acquistare anche in Italia il Tillage Radish, il rafano speciale selezionato negli Stati Uniti, che

PSR Piemonte: da 125 a 300 euro/ettaro a favore della biodiversità in risaia

C’è una sottomisura molto interessante nell’ambito della misura M 10 “Pagamenti agro-climatici-ambientali” del nuovo PSR della Regione Piemonte, la 10.1.2,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*