Basta chiacchiere: ecco come si deve affrontare la battaglia sul prezzo equo del frumento

Basta chiacchiere: ecco come si deve affrontare la battaglia sul prezzo equo del frumento

Il prezzo del frumento quest’anno tocca i minimi del nuovo millennio. Tutti si lamentano, agricoltori e trasformatori, in un gioco a rimpiattino fatto di chiacchiere e di proclami. Si invoca il Piano Cerealicolo Nazionale come la panacea di tutti i mali.

Ma come direbbe Totò: “Quale Piano Cerealicolo, ma mi faccia il piacere…”. Ancora un volta è tutta una questione di numeri e di dati che mancano. Ci spieghiamo meglio.

Gli agricoltori, per bocca delle loro rappresentanze sindacali (per una volta unite nel coro), affermano che si è prodotto in quantità e in qualità. Gli industriali ribattono dicendo che la qualità non c’è e per questo sono costretti a ricorrere più del solito alle importazioni. Ma, diciamo noi, il mondo dei produttori agricoli insieme alle cooperative e ai consorzi agrari riuscirà una buona volta a realizzare un monitoraggio serio e inconfutabile sulla qualità del frumento prodotto nel 2016? O vogliamo continuare a ribattere senza numeri e senza dati al mondo industriale?

Una volta che, come fanno da anni i francesi quando vengono in Italia a vendere il loro grano, buttiamo sul tavolo di mugnai e pastai il monitoraggio della qualità suddivisa per aree geografiche e dimostriamo che le proteine ci sono e anche gli altri parametri qualitativi, ecco che si capisce una volta per tutte chi ha ragione. Cosa aspetta il mondo agricolo a fare questa prima mossa, che è l’unica che può mettere con le spalle al muro l’industria? Tutti si lamentano e nessuno agisce.

C’è comunque un serio dubbio in fondo a tutta la questione, e cioè che il mondo produttivo riesca a farla davvero questa benedetta qualità, il che è tutto da dimostrare. Ma questa è solo la seconda puntata di tutta la vicenda, e questa sì che riguarda il Piano Cerealicolo Nazionale, che non potrà mai decollare con serietà se prima non si ha la fotografia di quello che stiamo producendo nei nostri campi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
frumento

Articoli correlati

Per chi vuole provare il sodo e la minima lavorazione, ecco i nuovi PSR che finanziano l’impegno

Questo testo si ritrova scritto così, in quasi tutti i nuovi PSR predisposti dalle regioni italiane nell’ambito della misura M

Stop ai pagamenti Pac 2017? Una nuova norma impone il certificato antimafia entro il 30 novembre

Tutti gli agricoltori che ricevono più di 5.000 euro all’anno di contributi Pac entro il 30 novembre prossimo dovranno presentare

Norme incerte e inefficienza informatica di Agea: tre esempi che penalizzano gli agricoltori

Gli agricoltori italiani sono ormai ben consapevoli che devono garantire, oltre ai prodotti che ci servono per vivere, anche alcuni

1 commento

Scrivi un commento
  1. Vittorio Zinzi
    Vittorio Zinzi 7 luglio, 2016, 11:57

    Buongiorno a tutti, mi permetto di dissentire dal contenuto del suo articolo. Qui non si tratta di qualità più o meno buona del prodotto italiano a fronte di quello straniero. qui è in atto una manovra speculativa globale sul prezzo del grano duro a danno dei produttori. infatti, il prezzo del grano è basso sui mercati mondiali e non solo su quello italiano. basta guardare i valori dei futures sulla borsa di Chicago o altrove. la domanda è : a chi giova ?

    grazie dell’attenzione, Vittorio Zinzi

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*