Campagna rottamazione Kverneland

Come seminare la soia su sodo in una giungla di infestanti

Come seminare la soia su sodo in una giungla di infestanti

Oggi in agricoltura ci vogliono tanta professionalità, conoscenza tecnica ed economica ma anche una buona dose di coraggio, perché bisogna sempre guardare avanti e non stancarsi mai di sperimentare. Solo così si possono testare nuovi percorsi e nuove opportunità per limitare le spese e cercare di ottenere comunque buoni redditi.

A questo proposito, vi mostriamo un esempio di semina della soia in una situazione di suolo e di infestazioni davvero molto problematica, che avrebbe consigliato qualunque agricoltore di non tentare nemmeno di entrare in campo. Invece Bruno Agazzani, agronomo della ditta Speziali Antenore, non ci ha pensato due volte e tra una selva di malerbe, con la seminatrice Kverneland Optima HD e-drive è entrato in campo e ha seminato la soia.

La seminatrice Kverneland Optima HD e drive mentre si fa largo tra le infestanti per deporre il seme di soia.
La striscia di semina, dove la seminatrice ha deposto il seme, perfettamente coperta.

Il risultato della deposizione è perfetto, come si vede dalle immagini. Ora staremo a vedere come saranno l’emergenza e il resto del ciclo colturale, ma siamo ottimisti. Vi terremo informati.

Una cosa è certa: la fortuna aiuta gli audaci.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Kvernelandsemina su sodosoia

Articoli correlati

Grano duro biologico: quanto produce, quante proteine fa e con quali varietà?

Alla Borsa merci di Milano il grano duro biologico vale 30 euro al quintale, mentre quello tradizionale vale poco più

Grano Armando: l’agricoltore guadagna e l’industria ha il prodotto che desidera

Di filiera si parla sempre tanto e a volte in maniera un po’ astratta, ma quando capita di imbattersi in

Come regolarsi per fare del buon foraggio in tempi di cambiamento climatico

Primavere molto piovose ed estati siccitose sono ormai, purtroppo, la normalità. Come fare allora per ottenere un foraggio di qualità

2 commenti

Scrivi un commento
  1. Alberto Piumatti
    Alberto Piumatti 30 Agosto, 2019, 17:09

    Buongiorno,
    Volevo solo chiederle una precisazione: che tecnica di diserbo è stara adottata? È stato fatto un pre intervento con il glifosate ?
    Grazie per l attenzione

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*