Diserbo del frumento: tornano in auge i ”residuali”, inseriti in molti disciplinari di produzione

Diserbo del frumento: tornano in auge i ”residuali”, inseriti in molti disciplinari di produzione

I trattamenti di pre-emergenza e post-precoce sul frumento tornano in auge come una sorta di “assicurazione” preventiva e possono evitare o limitare i danni da competizione nel caso di avverso andamento climatico nel periodo primaverile. Ecco una sintesi dei prodotti sul mercato ad azione preventiva.

Pendimentalin (Stomp Aqua, Most Micro, Activus EC, ecc.). Da utilizzare solo su seme perfettamente ricoperto, evitando i terreni molto sciolti. Efficace contro Alopecurus e Lolio, Papavero, Stellaria e Veronica.

Clortoluron (Lentipur FL, Sorpasso 500 FL). Evitare terreni molto sciolti e ricchi di scheletro. Fare attenzione alla sensibilità varietale su frumento tenero. Efficace su terreno sodo in post-emergenza precoce. Risolve bene i problemi di infestazioni precoci di Lolio e Alopecurus e di molte specie a foglia larga come Veronica e crucifere.

Clorsulfuron (Glean 75 PX). Da evitare in aree con fenomeni di resistenza agli erbicidi ALS. Svolge ottima attività graminicida anche contro la Phalaris e dicotiledonicida. Va usato a dosi basse 8-12 g/ha di formulato commerciale, in considerazione della sua lunga persistenza.

Diflufenican (Mohican 500SC). In caso di forti piogge può provocare transitorie depigmentazioni delle foglie. Efficacissimo sulle infestanti a foglia larga a ciclo annuale, viene utilizzato per lo più in miscela con Clortoluron e Flufenacet.

Traillate (Aavadex Factor) Da usare solo in pre-emergenza, in assenza di infestanti nate. Perfettamente selettivo, è attivo anche sulle prime infestazioni di Avena.

Prosulfocarb (Roxy 800 EC) Da usare solo su seme perfettamente ricoperto. Ha ottima efficacia graminicida su Lolio, Poa e Alopecurus con buona azione contro Veronica, Stellaria e Fumaria.

Flufenacet. Siamo al primo anno di commercializzazione della nuova miscela Flufenacet+Diflufenican (Battle Delta). Da evitare su terreni sciolti e ricchi di scheletro e su grano duro, è consigliabile solo intervento di post-emergenza precoce.

Cosa fare: pre o post emergenza precoce?

Gli interventi subito dopo la semina, sostengono i tecnici della sezione “Ricerca e sviluppo” di Terremerse, si giustificano su terreni finemente lavorati e con previsioni di piogge nei giorni successivi la distribuzione in campo.
Più razionali sono gli interventi di post precoce, soprattutto quando si prevede un periodo siccitoso. Inoltre si può graduare meglio l’intervento verificando il reale grado e tipo di infestazione.
Questi interventi vanno effettuati molto precocemente su colture che abbiano differenziato al massimo la seconda foglia.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
diserbofrumento

Articoli correlati

Ixter, la botte da diserbo portata innovativa e per ogni esigenza

La botte Kverneland Ixter può essere equipaggiata con barre di larghezza variabile da 15 a 24 metri, è una barra

Glifosate: ecco le nuove limitazioni all’impiego e l’elenco dei prodotti revocati e fuori commercio

La vicenda glifosate nel pieno solleone di agosto torna a far parlare di sé. Il Ministero della salute ha infatti emanato

Come si diserba la medica al primo impianto

La nuova Pac, che incentiva la diversificazione colturale, oltre alla soia porterà verosimilmente a una più estesa superficie di erba

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*